Divertimento

All’interno della base lunare del futuro con case gonfiabili per i coloni spaziali in cui vivere e serre lunari

Gli scienziati hanno svelato i progetti per un insediamento gonfiabile sulla Luna.

Quando le persone pensano alle strutture future per la Luna, probabilmente non stanno immaginando qualcosa di gonfiabile.

1

Ma questo è esattamente ciò che propone uno studio sostenuto dall’Agenzia spaziale europea.

L’idea per lo studio è venuta dallo specialista di strutture gonfiabili Pneumocell, che l’ha presentata alla piattaforma di innovazione nello spazio aperto dell’Agenzia dell’ESA, OSIP.

Pneumocell ha eseguito un’analisi di un habitat lunare gonfiabile, basato su strutture prefabbricate ultraleggere.

Nello studio, i ricercatori hanno affermato che era importante “sviluppare un progetto per un habitat lunare nelle immediate vicinanze di uno dei poli lunari”

La Cina annuncia nuove missioni sulla Luna alla ricerca di una
Pianifica di

Avevano anche bisogno di dimostrare la “fattibilità del progetto suggerito in considerazione delle risorse disponibili”.

Che cosa sembra?

La struttura dell’habitat consisterebbe in moduli di stanze che possono essere collegati per estendere l’habitat, secondo una sintesi esecutiva.

Le serre sono i principali moduli gonfiabili e sono collegate tra loro da un sistema di tunnel.

I moduli abitativi e di lavoro sono fissati sul lato esterno delle serre.

Come funziona?

Una volta gonfiati, gli habitat verrebbero sepolti sotto 4 o 5 metri di suolo lunare per la protezione dalle radiazioni e dai micrometeoriti.

Ogni habitat sarebbe caratterizzato da un traliccio in cima che contiene una membrana a specchio progettata per ruotare per seguire il Sole.

Qualsiasi luce solare riflessa dallo specchio sarebbe “diretta verso il basso attraverso un cratere artificiale, da cui un altro specchio a forma di cono la riflette nella serra circostante”.

Il marito di Tori Spelling è irriconoscibile dopo che le voci sulla coppia si sono segretamente separate
Kim non si trucca e mostra la sua vera pelle, comprese borse e occhiaie

Queste serre aiuterebbero a mantenere gli habitat autosufficienti producendo e riciclando ossigeno e cibo.

Utilizzerebbe quasi esclusivamente l’energia dell’irraggiamento solare.

Oliver Barker

È nato a Bristol e cresciuto a Southampton. Ha una laurea in Contabilità ed Economia e un Master in Finanza ed Economia presso l'Università di Southampton. Ha 34 anni e vive a Midanbury, Southampton.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button