Divertimento

Antonio Rudiger spiega l’uscita dal trasferimento del Chelsea, ma afferma che le sanzioni del governo non sono alla base della decisione di lasciare il Real Madrid

Ads

ANTONIO RUDIGER ha respinto la teoria secondo cui le sanzioni del governo sono dietro la sua decisione di lasciare il Chelsea.

Il difensore tedesco partirà per il Real Madrid a parametro zero al termine della stagione di Premier League domenica settimana.

1

Le rigide regole imposte a causa dei legami del proprietario Roman Abramovich con il tiranno russo Vladimir Putin hanno vietato al Chelsea di negoziare nuovi contratti con i giocatori esistenti, ma Rudiger insiste che sono stati altri problemi a impedirgli di rimanere.

Ma Rudiger, che sabato ha subito la sconfitta nella finale di FA Cup contro il Liverpool, ha dichiarato: “C’era una possibilità, ma le sanzioni non sono il problema. Non voglio andare troppo in profondità nelle cose.

“Alla fine della giornata non si tratta solo di una parte (aiutare l’altra), ma di entrambe: il Chelsea è stato fantastico con me, io sono stato fantastico con il Chelsea.

“Come sempre, sono molto, molto grato a me, alla mia famiglia. Sono diventato un uomo qui. I miei figli sono nati qui e tutto il resto. Londra e soprattutto il Chelsea saranno sempre speciali per me”.

Le migliori scommesse gratuite e le offerte di registrazione disponibili dai nostri partner bookmaker
REAZIONE finale di FA Cup quando i Blues perdono contro il Liverpool

“Sono passati cinque anni come al solito con alti e bassi, ma con molte cose positive.

“Ecco perché sono ancora più frustrato perché volevo avere un finale diverso”.

Rudiger guadagnerà £ 400.000 a settimana a Madrid, eclissando ciò che il Chelsea era disposto a pagare.

Ha ancora vinto tutti i principali trofei tranne la Coppa EFL in mezzo decennio al Chelsea, ma ha il cuore spezzato per aver perso tre finali di FA Cup di fila.

SCOMMESSE GRATUITE E OFFERTE DI ISCRIZIONE – LE MIGLIORI OFFERTE PER I NUOVI CLIENTI

Ha detto: “È sempre difficile dire se siamo fortunati o sfortunati.

“Per me è la terza volta, quindi non si può sempre dire sfortunato, sfortunato, sfortunato.”

“Noi abbiamo avuto occasioni, loro hanno avuto occasioni. Ma alla fine sappiamo che i rigori sono sempre una lotteria. Abbiamo perso.

“Alla fine della giornata si tratta di vincere. Si tratta di oggi, non si tratta della prossima stagione.

“Il gioco riguardava oggi ed era lì per prendere e, sì, sfortunatamente non l’abbiamo fatto”.

Ads

Oliver Barker

Nació en Bristol y se crió en Southampton. Tiene una licenciatura en Contabilidad y Economía y una maestría en Finanzas y Economía de la Universidad de Southampton. Tiene 34 años y vive en Midanbury, Southampton.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button