Legge sul copyright

Parlamento Europeo pone fine a Internet

E’ passato molto tempo da quando Google, Facebook, Youtube e molti altri colossi del web hanno inizializzato la campagna contro la Legge sul Copyright. Purtroppo l’Internet si ritrova in un momento buio ora.

La legge è stata approvata dal Parlamento Europeo, con 348 voti a favore, 276 contrari e 36 astenuti. Potrebbe trattarsi di uno dei più grandi cambiamenti sul tema digitale.




Le parole del relatore Axel Voss e del vicepresidente della commissione Ue al mercato digitale Andrus Ansip sono state molto dure per chi ha sempre seguito le iniziative contro questa legge. Quest’ultimo è entusiasta del fatto che l’Europa ponga delle regole univoche per tutti gli stati.

Google, Facebook e Youtube diffondono disinformazione e dimostrano quanto sia semplice strumentalizzare soprattutto i giovani

Il voto positivo sulla riforma del copyright “è un grande passo avanti” che arriva con “garanzie chiare per la libertà di espressione”

Cosa cambierà realmente con la legge sul copyright?

La legge ha sempre intimorito gli utenti del web poiché preoccupati da una possibile limitazione dei contenuti già presenti o futuri. La legge è costituita da diversi articoli, tra cui l’articolo 11 e l’articolo 13, i più discriminati. Vi invito a leggere il nostro articolo a riguardo che potete trovare qui.

In breve, articoli che sono protetti da copyright non potranno essere condivisi interamente, ma solo alcune parti. Inoltre ci saranno contromisure per chi possa abusare di questo cambiamento.

Una nota a favore per molti creatori è che la condivisione di opere potrà essere fatta se lo scopo di tale condivisione è a fini di citazione, critica, revisione, caricatura o parodia.

Infine gli snippet, brevi descrizioni sotto ai link durante una ricerca, rimangono non protetti, quindi utilizzabili dal motore di ricerca.

Alcune eccezioni della legge e ripercussioni

La legge specifica che il caricamento su piattaforme online che non hanno fini commerciali (ad esempio Wikipedia o GitHub) sono esclusi dalla legge e quindi di rispettare le nuove regole.

Questo rende particolarmente “felici” piattaforme come Wikipedia appunto, anche se recentemente si era unito a contrastare la legge, oscurando l’enciclopedia in molti paesi.

Un’ulteriore discussione è iniziata a girare da poche ore su Facebook. A quanto pare alcuni commenti sono stati cancellati per violazione dei diritti della legge sul copyright. Al posto del commento viene mostrata tale frase:

𝑇ℎ𝑖𝑠 𝑐𝑜𝑚𝑚𝑒𝑛𝑡 ℎ𝑎𝑠 𝑏𝑒𝑒𝑛 𝑐𝑒𝑛𝑠𝑜𝑟𝑒𝑑 𝑑𝑢𝑒 𝑡𝑜 𝐸𝑢𝑟𝑜𝑝𝑒𝑎𝑛 𝑈𝑛𝑖𝑜𝑛’𝑠 𝑐𝑜𝑝𝑦𝑟𝑖𝑔ℎ𝑡 𝑙𝑎𝑤.

Sta girando molto velocemente tra le pagine presenti su uno dei social più usati nel mondo.

Be careful… ????ℎ???????? ???????????????????????????? ℎ???????? ???????????????? ???????????????????????????????? ???????????? ???????? ???????????????????????????????? ????????????????????’???? ????????????????????????????ℎ???? ????????????. A lot of people are getting this in FB postings…

Pubblicato da Barnsley Community su Martedì 18 settembre 2018

Qui sotto vi riportiamo il contenuto dell’articolo 11 e dell’articolo 13.

  • Articolo 11: viene previsto un diritto per gli editori di avere accordi con le aziende operatrici in internet, riguardo alla pubblicazione degli snippet, presenti ormai in qualsiasi link sul web
  • Articolo 13: viene previsto un controllo preventivo durante l’upload (cosi chiamato upload filter) che andrà a verificare che non venga violato nessun diritto d’autore di un contenuto presente in rete. Questo dovrebbe evitare qualsiasi forma di profitto economico. Infine la responsibilità di tale violazioni sarà delle grandi piattaforme, come Youtube o Facebook. Le piccole piattaforme sono esentate dalla legge e le media hanno obblighi contenuti.

Conclusioni

Tebigeek è sempre stata dalla parte delle piattaforme e crediamo fermamente che la legge sul copyright porterà solo problemi su tutto quello che viene definito internet, sia agli utenti che i creatori.

 

miglior smartphone 2019

Miglior Smartphone 2019 | Lista

Dopo la lista di prova proposta dei top smartphone 2018, arriva definitivamente la lista ufficiale Tebigeek dei miglior smartphone 2019. Uno smartphone in classifica viene ritenuto degno del suo posto per almeno 4 mesi. Questa lista verrà aggiornata periodicamente, quindi se non ti convince in questo momento, torna a guardarla tra una settimana!

Lo Store a cui faremo riferimento sarà Amazon.

“In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei”

Amazon Prime Gratis

Amazon mette a disposizione la prova gratuita di Amazon Prime per 30 giorni, consigliata per chi vuol fare unicamente l’acquisto di uno smartphone in lista piuttosto che pagare il canone annuale di EUR 36.

Opzione attualmente quasi indispensabile per proseguire in acquisti di articoli di uso quotidiano, per beneficiare di spedizioni rapide e gratuite ed accedere a particolari offerte.

amazon-prime-dettaglioMiglior Smartphone 2019 | A

Aggiornamento Lista: 25/03/2019.

Lo smartphone è lo strumento che utilizziamo in media 3 ore al giorno ed usiamo lo stesso per almeno 1 anno ininterrotto. Sapevi già queste statistiche? Ti sfido a dirmi quante ne conoscevi già tra le 35 curiosità sui telefoni che ti sorprenderanno.

Differentemente dalle altre liste (es. Miglior Notebook 2019), l’analisi del prezzo effettuata con tracciatori è molto più delicata. Pertanto, i prezzi proposti potrebbero variare. Per risolvere questo problema, utilizziamo una grafica dinamica che auto-aggiorni il prezzo reale senza necessariamente aprire il link del prodotto.

Fascia €100 – 200

La lista dei miglior smartphone 2019 è organizzata in senso crescente di prezzo per valorizzare quelli che sono gli smartphone di fascia bassa spiegandone le potenzialità atte a soddisfare tutte le esigenze quotidiane di ogni utente.

Xiaomi Mi A2 [IT]

Nel titolo è specificato [IT] in quanto sui vari Store sono presenti versioni globali che potrebbero non funzionare in europa per via della restrizione sulla banda 20 (800 MHz).

Lo Xiaomi Mi A2 è uno smartphone potentissimo che si presenta con Android in versione stock (Android One) quindi completamente indipendente da software Xiaomi e dipendente direttamente da aggiornamenti di casa Google.

Pro:

  • Batteria: 3010 mAh (Ioni di litio)
  • O.S.: Android One (Aggiornamenti direttamente da Google)
  • Display: 5,99″ (pollici), 2160×1080 px, 403 ppi, Corning Gorilla Glass 5
  • Fotocamera: 20 MP
  • RAM: 4 GB
  • CPU/GPU: Qualcomm Snapdragon 660, Adreno 512

Contro:

  • Dual SIM: consigliato inserirne una sola ed evitare utilizzo di microSD.
  • App Fotocamera: consigliato scaricarne un’altra dal Play Store.

Xiaomi Redmi Note 7

È il BEST BUY 2019, personalmente l’ho acquistato e mi trovo benissimo. Molto consigliato, non ho ancora trovato un difetto per il rapporto qualità/prezzo. La versione che proponiamo in questo articolo è la 4/64 GB. Quelli a meno sono in versione 3/32GB.

Pro:

  • Batteria: 4000 mAh (LiPo)
  • O.S.: Android 9 MIUI 10 Pie
  • Display: 5,99″ (pollici), 2160×1080 px, 403 ppi, Corning Gorilla Glass 5
  • Fotocamera: Doppia 48 Mp + 5 Mp con Intelligenza Artificiale sui 12Mp
  • RAM: 4 GB
  • CPU/GPU: Qualcomm Snapdragon 660, Adreno 512

Contro:

  • Dual SIM: consigliato inserirne una sola ed evitare utilizzo di microSD.

Xiaomi Mi A3 [GLOBALE]

Nel titolo è specificato [GLOBALE] in quanto sui vari Store sono presenti versioni globali che potrebbero non funzionare in europa per via della restrizione sulla banda 20 (800 MHz). Nello specifico questo ha la banda 20, quindi è ok.

Lo Xiaomi Mi A3, come ormai abitudine della serie Mi, si presenta con Android in versione stock (Android One) quindi completamente indipendente da software Xiaomi (alcuni potrebbero presentarsi con la MIUI, va comunque molto bene) e dipendente direttamente da aggiornamenti di casa Google.

In versione 64 GB è in eccessivo sconto. Non ci sono critiche fattibili su uno smartphone successore.

Pro:

  • Batteria: 4030 mAh (LiPo)
  • O.S.: Android One (Aggiornamenti direttamente da Google)
  • Display: 6.08″ (pollici), 2160×1080 px, 283 ppi, Corning Gorilla Glass 5
  • Fotocamera: Tripla 48 Mp + 8 Mp + 2 Mp
  • RAM: 4 GB
  • CPU/GPU: Qualcomm Snapdragon 665, Adreno 610

Contro:

  • Dual SIM: consigliato inserirne una sola ed evitare utilizzo di microSD.
  • App Fotocamera: consigliato scaricarne un’altra dal Play Store (Es. Open Camera).

Honor View 10 Lite [ITALIA, TIM]

Anche su questo smartphone la politica della nazionalità è la stessa che per lo Xiaomi.

In lista viene proposto il modello con 128GB, brandizzato TIM (non comporta assolutamente nulla in niente) in quanto sconsigliamo vivamente l’acquisto del 32GB con l’eventuale aggiunta di una microSD poiché potrebbe (nella maggior parte dei casi) creare rallentamenti anche con l’acquisto di dispositivi di storage prestanti.

L’Honor 10 Lite ha una durata incredibile della batteria, si presenta molto bene esteticamente con design particolare, molto colorato. Il suo successore è l’Honor 10 Lite ad un prezzo leggermente superiore.

Pro:

  • Batteria: 3400 mAh (LiPo)
  • Display: 6.5″ (pollici), 1080 x 2340 px, 397 ppi
  • Fotocamera: Doppia 20 Mp + 2 Mp
  • RAM: 4 GB
  • CPU/GPU: Kirin 710 Octa-Core, Mali-G51 MP4

Contro:

  • Consumo riconoscimento facciale: consigliato disattivare il riconoscimento facciale, lasciare solo l’impronta digitale.
  • Consumo luminosità: come per ogni smartphone, in particolare i display honor consumano molto. Basta inserire luminosità automatica per risolvere il problema.

Samsung Galaxy J4 Plus [ITALIA]

È complicato trovare un dispositivo di fascia bassa degno di star in lista miglior smartphone 2019. Con disponibilità limitata, su Amazon è presente il Samsung Galaxy J4 Plus ad un prezzo molto contenuto. Modello successivo è il Samsung Galaxy J6 (2018) a 155 euro.

Pro:

  • Batteria: 3300 mAh (Polimeri di litio)
  • Display: 6″ (pollici), 1480×720 px, 274 ppi
  • Fotocamera: 13 MP (4160 x 3120 px), 5 Mp F/2.2
  • O.S.: Android 8.1
  • RAM: 2 GB
  • CPU/GPU: Qualcomm Snapdragon 425, Adreno 308

Contro:

  • Peso: Per chi ama equipaggiare cover ed accessori vari, lo smartphone si presenta con il peso di 178 grammi. Come ogni buon Samsung pesa un po’. Ma è un contro per i più attenti. Si parla di 20-30 grammi di differenza rispetto altri smartphone.
  • Consumo luminosità: I display Samsung sono bellissimi, tra i migliori sul mercato. Il prezzo da pagare è la durata della batteria (seppur 3300 mAh). Per i più smanettoni ed avventurosi, ecco una guida sempre valida per ridurre all’osso il consumo batteria Android.

Motorola Moto G7 Power [ITALIA]

Volete uno smartphone con la batteria che duri veramente tanto? Il Moto G7 Power si presenta con numeri mostruosi fino a 60 ore di autonomia d’utilizzo. La batteria deve essere totalmente scarica per avviare la ricarica con TurboPower. La velocità di ricarica rallenta con l’aumento della carica.

Pro:

  • Batteria: 5000 mAh (LiPo)
  • Display: 6.22″ (pollici), 720 x 1520 pixel, 270 ppi
  • Fotocamera: 12 MP (4000 x 3000 px), 8 Mp F/2.2
  • O.S.: Android 9 Pie
  • RAM: 4 GB
  • CPU/GPU: Snapdragon 632,  4x 1.8 GHz Kryo 250 Gold + 4x 1.8 GHz Kryo 250 Silver, Adreno 506

Contro:

  • Peso: Data la presenza di una batteria così capacitiva, il peso non può essere come una piuma, parliamo di 193 grammi, comunque sopportabile.
  • NFC: Se utilizzate la tecnologia NFC (es. pagamenti contactless), questo smartphone non ne è provvisto.

Huawei Mate 20 Lite [West Europe]

È chiaramente uno smartphone funzionante in Italia e all’estero. La versione si differenzia solo a livello software e garanzia (che comunque gestita tramite Amazon).

Uno dei Huawei riusciti meglio è indubbiamente il Mate 20 Lite che da 1 anno ormai è in ogni negozio rispettabile.

Pro:

  • Batteria: 3750 mAh (LiPo)
  • Display: 6.3″ (pollici), 1080 x 2340 pixel, 409 ppi
  • Fotocamera: 20 MP (4160 x 3120 px), 2 MP F/1.8
  • RAM/ME: 4 GB / 64 GB
  • CPU/GPU: Huawei HiSilicon Kirin 710, ARM Mali-G51 MP4

Contro:

  • O.S.: Android 8.1 Emotion UI 8.2 Oreo. Nulla da criticare a Huawei, ma per chi ha avuto brutte esperienze con questo marchio e non ha voglia di affidarsi ad aggiornamenti (come accade per i prodotti Apple dopotutto) è meglio che punti su Sistemi Stock presenti su smartphone in questa lista.

Fascia €250 – 400

In questa fascia sono presenti prodotti che competono con la parte di fascia alta dei miglior smartphone 2019. Rappresentano il miglior compromesso per l’acquisto di uno smartphone per chi utilizza tutte le sue funzionalità quotidianamente e che vuole evitare seccature di blocchi imprevisti che potrebbero capitare, raramente, in fascia medio-bassa.

Xiaomi Mi 9T [EU]

La Xiaomi produce best smartphone a prezzi imbattibili come già detto. E’ il caso del Mi 9T, in particolare la versione da 64 GB perché venduta e spedita da Amazon. Come già detto più volte, non è discriminazione contro i venditori terzi, semplicemente su Amazon è preferibile acquistare prodotti venduti e spediti da amazon per via della garanzia e del supporto tecnico immediati.

Pro:

  • Batteria: 4000 mAh (Ioni di litio)
  • Display: 6.39″ (pollici), 1080 x 2340 pixel, 403 ppi AMOLED
  • Fotocamera: 48 Mp  F 1.75 + 8 Mp  F 2.4 + 13 Mp F 2.4
  • O.S.: Android 9.0 MIUI 10 Pie
  • RAM: 6 GB
  • CPU/GPU: Snapdragon 730, Adreno 618

Contro:

  • Tecnologie particolari: non è un vero “contro” di questo smartphone. Però, se si procede all’acquisto si è consapevoli di doversi abituare al posizionamento delle fotocamere ed altri sensori che son studiati per offrire un’esperienza diversa, innovativa, rispetto i comuni smartphone. Comunque, Amazon offre il reso del tutto gratuito per 30 giorni, quindi eventualmente si può rimandare indietro.

 

Motorola Moto G7 [ITALIA]

Il G7 è uno dei migliori smartphone prodotti in assoluto per la sua fascia. Ha una stabilità incredibile in ogni condizione e caso d’uso ed è dotato di componentistica al top. Il suo successore è il Moto G7 Plus che è decisamente la versione completa dello smartphone migliore del 2019 in fascia media.

Pro:

  • Batteria: 3000 mAh (Ioni di litio)
  • Display: 6.2″ (pollici), 1080 x 2270 px, 405 ppi
  • Fotocamera: 12 MP (4000 x 3000 px), 5 MP F/1.8 + F/2.2
  • O.S.: Android 9.0
  • RAM: 4 GB
  • CPU/GPU: Snapdragon 632,  4x 1.8 GHz Kryo 250 Gold + 4x 1.8 GHz Kryo 250 Silver, Adreno 506

Contro:

  • Lettore di impronta: presente sul retro ma non troppo comodo, consigliato in questo caso abilitare il riconoscimento facciale.

Fascia €400+ 

La lista dei miglior smartphone 2019 percorre in fascia alta una serie di dispositivi molto prestanti. La differenza non sarà tanto a livello componentistico ma più a livello di design (cosa che non tratteremo nei pro/contro). Per chi non ha particolari esigenze, un qualunque smartphone di questa fascia va più che bene per affrontare ogni tipo di applicazione, ogni tipo di utilizzo che si può fare con tecnologia attualmente presente nel 2019.

Xiaomi Mi 9 [ITALIA]

La Xiaomi è da tanti anni ormai la capolista di ogni classifica con smartphone poco costosi che primeggiano e competono con marchi molto più costosi.

La parte a cui prestare attenzione quando si acquista uno Xiaomi è il sistema operativo ed il processore/coprocessore/gpu. Acquistando un dispositivo con componenti top di gamma e di produttori molto seri si evita di avere cinesate in mano. Il caso dello Xiaomi Mi 9 è analizzato con molta attenzione. Fa parte degli incredibili smartphone con processore a 7nm potenziato con AI.

Pro:

  • Batteria: 3300 mAh (Litio)
  • Display: 6.39″ (pollici), 2280 x 1080 pixel, 403 ppi, Gorilla Glass 6
  • Fotocamera: 48 Mp + 16 Mp + 12 Mp, 8000 x 6000 pixel, F 1.75 + F 2.2 + F 2.2
  • RAM/ME: 4 GB / 64 GB
  • CPU/GPU: Snapdragon 855 Qualcomm SDM855, 1x 2.84 GHz Kyro 485 + 3x 2.42 GHz Kyro 485 + 4x 1.80 GHz Kyro 485, Adreno 640

Contro:

  • O.S.: Android 9 MIUI 10 Pie. La MIUI non ha dato il massimo negli anni precedenti. Questa versione però molto aggiornata non ha ancora dimostrato bug rilevanti. Per la politica adottata su molti Xiaomi (quelli con android one), la scelta di inserire la MIUI su uno smartphone di fascia alta in realtà garantisce una migliore stabilità. Per chi vuole smanettarci sopra invalidando il sistema il giorno dopo non è la scelta da fare.

Samsung Galaxy S9 64 [ITALIA – BRANDIZZATO]

La versione brandizzata non è altro che una pubblicità presente in fase di accensione del telefono (ed eventualmente una piccola app installata nel sistema) che non comporta alcuna differenza hardware e software. Il grosso vantaggio è che si presenta ad uno sconto molto competitivo con la versione non brandizzata.

Con l’arrivo di Bixby in italiano, finalmente è uno degli miglior smartphone 2019.

Pro:

  • Batteria: 3000 mAh (Litio)
  • Display: 5.8″ (pollici), 1440 x 2960 pixel, 568 ppi, Super AMOLED, Gorilla Glass 5
  • Fotocamera: Super Speed Dual Pixel da 12 MP con OIS (F1.5/F2.4) / Fronte: 8 MP F1.7
  • RAM/ME: 4 GB / 64 GB
  • CPU/GPU: 9810 SAMSUNG Exynos 9, 4x 2.8 GHz M3 Mongoose + 4x 1.7 GHz Cortex-A55, Mali-G72 MP18

Contro:

  • Not Latest: Come per i prodotti Apple, se non hai l’ultimo di casa te lo senti scarso in mano. Ma è una questione psicologica dopotutto, sfido chiunque ad utilizzare il Galaxy S9 e dire che non sia un top smartphone 2019. Per i più scettici, ecco il link del Samsung Galaxy S10

Nokia 8 [ITALIA]

Non vi piacciono gli smartphone troppo grandi? Si rompono tutti facilmente? Era meglio l’epoca del 3310? La Nokia ha pensato anche a voi!

In incredibile sconto, talvolta si può trovare su Amazon questo fantastico smartphone a meno di 400 euro.

Pro:

  • Batteria: 3090 mAh (Litio)
  • Display: 5.3″ (pollici), 1440 x 2560 pixel, 554 ppi, Gorilla Glass 5
  • Fotocamera: 13 MP (4160 x 3120 px), 13 MP F/2
  • RAM/ME: 4 GB / 128 GB
  • CPU/GPU: Snapdragon 835 Qualcomm MSM8998, Quad-core 2.45 GHz Kryo + Quad-core 1.9 GHz Kryo, Adreno 540

Contro:

  • O.S.: Android 7.1.1 Nougat, non è detto che si ricevano più aggiornamenti su questo modello, comunque parliamo di uno smartphone prodotto nel 2017. Per i più smanettoni, sul nostro forum testeremo l’installazione di ROM aggiornate.

OnePlus 6T [West Europe]

Gli ambiti OnePlus in ogni micro-benchmark sono presenti a battersi contro smartphone molto costosi. Il motivo è semplice: sono molto prestanti in condizioni estreme ed il sistema è abbastanza ottimizzato. Un suo compagno di viaggio è il OnePlus 6T che compensa tutti i punti dove è un po’ carente il OnePlus 6. Scontatissimo a €509 anziché €629. In ogni caso anche a €629 è un ottimo acquisto.

Pro:

  • Batteria: 3700 mAh (LiPo)
  • Display: 6.41″ (pollici), 1080 x 2340 pixel, 402 ppi, AMOLED, Gorilla Glass 5
  • Fotocamera:  16MP + 20MP F/1.7, slow motion fino a 480fps
  • RAM/ME: VERSIONE 8 GB RAM / 256 GB
  • CPU/GPU: Snapdragon 845 Qualcomm SDM845, 4x 2.8 GHz Kryo 385 + 4x 1.8 GHz Kryo 385, 4x4MIMO, Adreno 630

Contro:

  • Competizione: Piuttosto che Apple vs Samsung, da un po’ di tempo è in atto la guerra OnePlus vs Apple. Questo tende a far scoraggiare l’acquisto di uno smartphone simile per via della lettura di false recensioni. Qualsiasi problema di fabbrica, bug di sistema o altro, tramite Amazon si risolvono in qualche giorno.

Samsung Galaxy Note 9 [ITALIA]

Tranquilli che non esplode. Il caso riguardava i Note 7 e per quanti scettici parlino della batteria da 4000 mAh a rischio esplosione in un mattone del genere, vi rimando al Moto G7 Power che ne ha ben 5000 mAh e non esplode.

È un concetto di smartphone abbastanza particolare, è un phablet (in realtà per definizione lo sono tutti i dispositivi con display con dimensione compresa tra i 5 e i 7 pollici, ma il pennino rende l’idea diretta).

Pro:

  • Batteria: 4000 mAh (Litio)
  • Display: 6.4″ (pollici), 1440 x 2960 pixel, 516 ppi, Super AMOLED, Gorilla Glass 5
  • Fotocamera: Posteriore 12 megapixel, con apertura variabile (f/1.5 o f/2.4) + 12 megapixel con zoom
  • RAM/ME: VERSIONE 6 GB RAM / 128 GB
  • CPU/GPU: 9810 SAMSUNG Exynos 9 Octa, 2.7 GHz + 1.7 GHz, Mali G72 MP18

Contro:

  • Peso: 201 grammi distribuiti su 161.9 x 76.4 x 8.8 mm di dispositivo. In utilizzo quotidiano potrebbe essere un problema. Meglio provarlo prima di acquistarlo.
  • Scaramanzie su Temperatura ed esplosioni: Come già detto, sono stati casi ormai isolati del Note 7. Per evitare qualsiasi tipo di problema è sempre consigliato non usare lo smartphone sotto al sole cocente dell’estate (uscirà comunque un avviso di temperatura alta in caso e si spegnerà lo smartphone).

Apple IPhone 8 Plus [ITALIA]

Per questioni ovvie di prezzo, nella lista dei miglior smartphone 2019, di prodotti apple ne compare solo uno anche se non proprio recente (fabbricazione 2017/3).

È tutt’ora acquistato da molti Apple Fan in quanto risulti essere uno dei migliori compromessi Apple.

Pro:

  • Batteria: 2619 mAh (Litio)
  • Display: 5.5″ (pollici), 1080 x 1920 pixel, 401 ppi, Retina HD con True Tone
  • Fotocamera: 12 Mp + 12 Mp, F/1.8 Quad LED
  • RAM/ME: 3 GB / VERSIONE 64 GB
  • CPU/GPU: Apple A11 Bionic con Neural Engine, 2x Monsoon + 4x Mistral

Contro:

  • Not Latest: Come ogni prodotto Apple, non è l’ultimo uscito. Dopotutto, neanche l’ultimo uscito è l’ultimo uscito stesso.
  • Batteria: Inutile cercare di giustificare i prodotti Apple, la batteria oggettivamente dura come ogni smartphone, l’8 Plus in particolare vi richiede un degno powerbank dietro.

Conclusione

Sperando che la lista dei miglior smartphone 2019 vi sia piaciuta, si deve precisare che ogni smartphone è buono per la sua fascia (già superiore ai 200) e si nota poca differenza in utilizzo normale quotidiano. Il miglior acquisto che si possa fare a riguardo è quello che più vi piaccia esteticamente.
Per qualsiasi domanda su ogni prodotto potete contattare noi di Tebigeek o direttamente il venditore su Amazon.

 

whatsappdown

Whatsapp non invia immagini e audio oggi – Soluzione

Dalle 17:30 circa del 13 Marzo Whatsapp non invia immagini e audio. In realtà non funziona l’invio di nessun tipo di file in qualsiasi formato. Funziona unicamente l’invio di messaggi di testo.

Come mai whatsapp non invia immagini e audio?

Domanda ricavata da decine di migliaia di segnalazioni su DownDetector.com, riguarda tutta la catena di servizi correlati. Quindi il problema ha intaccato Facebook, Instagram e Whatsapp. E’ stato confermato che non risulta essere colpa di un attacco DDoS (Denial of Service).

Riguarda solo i telefoni?

Il problema è stato riscontrato inizialmente da piattaforme mobile per whatsapp (che purtroppo da computer non isola la dipendenza dell’app mobile), mentre per facebook inizialmente i problemi sono stati rilevati da sito internet piuttosto che da applicazione.

Quale zona riguarda?

Da una mappa presa da DownDetector, pare che noi italiani siamo (s)fortunati della situazione oltre ad altri stati nel mondo. Il problema non dovrebbe essere su scala mondiale, ma non è di certo ristretto ad una  sola zona di Italia.

whatsappdown mappa

Fonte: downdetector.com

Posso fare qualcosa per bypassare il problema?

Analizzando la questione nello specifico, intuitivamente il problema risiede effettivamente nello stream dei dati e non nelle funzioni di load/store di file piuttosto che messaggi.
Non c’entra nulla il tipo di connessione e la quindi l’eventuale crittografia di scambio.

In particolare, quando con whatsapp si invia un messaggio di testo, si inviano pochi byte.
Il caricamento di una immagine, per compressione, talvolta viene ingrandita e richiede un maggiore sforzo da parte di chi invia e chi riceve e del server che ne fa da tramite.

In realtà il problema è leggermente più complesso da spiegare ma cerchiamo di farla quanto più semplice per svelare qualche trick in attesa che torni tutto a funzionare come prima.

Compressione immagini

Abbiamo sperimentato che comprimendo all’osso le immagini, seppur poi vengano ingrandite automaticamente da whatsapp, si riesce a farle rimanere nello stream listener e farle inviare e ricevere con successo in un minuto di tentativo automatico circa.

Audio

Per quanto riguarda gli audio, il discorso è analogo a sopra. Piuttosto che comprimere, basta avere un sistema di upload che “non si arrenda” facilmente come fa l’applicazione.
Infatti, grazie a whatsapp desktop o whatsapp web, registrando da computer il file rimanere in coda più a lungo rispetto al dispositivo mobile ed invia con successo il messaggio audio.

trickwhatsapdown

Gli ingegneri a lavoro

Ovviamente questi sono semplici trucchetti per inviare messaggi in condizioni problematiche come queste. Pare che il problema stia solo peggiorando nelle ultime ore mostrando sempre più problemi. Non è semplice come spiegato in questo articolo, sperando di essere stati utili a qualcuno.

Il consiglio è, in assenza di necessità, di sfruttare momenti come questi per godersi la vita e staccare dai social.

Seguiranno aggiornamenti con hashtag ufficiali #whatsappdown #instagramdown #facebookdown .

Migliori Schede video qualità/prezzo 2019 | Lista

Aggiornare il proprio setup è diventato quasi uno sport per molti maniaci dell’hardware. Per molti invece, rimane una scelta quasi d’obbligo, appena le loro macchine diventano obsolete. Per qualsiasi tipo di acquisto, questa lista propone valide scelte per la tua futura scheda video!

Dall’inizio del 2019 si è vista una crescita ampia delle schede video presenti sul mercato che vanno a colmare molti spazi nei range di prezzo.Ecco quindi la lista delle migliori schede video in base alla qualità/prezzo.

Lo store a cui faremo riferimento sarà Amazon.

“In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei”



Amazon Prime Gratis

amazon-prime

Quando proviamo a fare il nostro primo acquisto su Amazon, è sempre utile sfruttare la prova gratuita di Amazon Prime per 30 giorni.

 

Opzione indispensabile se acquistiamo quasi quotidianamente su Amazon, velocizza i tempi di spedizione e può far risparmiare i costi di essa.

Lista Schede video | Agosto

La lista andrà a basarsi sulla risoluzione a cui è rivolta tale scheda, mettendole indirettamente in ordine di prezzo. Sappiamo che ormai le schede video vengono usate maggiormente lato gaming, ma comunque non bisogna tralasciare il lato produttivo che per molti resta ancora un punto importante.

Schede video per il Full HD

Ai giorni odierni, il Full HD (1080p) è praticamente diventata la risoluzione “base” per ogni utente di computer. E’ la risoluzione più utilizzata in quanto non serve spendere molto per poterla sfruttare e comunque si riesce a godere a pieno qualsiasi tipologia di esperienza.

AMD Radeon RX 580

La RX 580 attualmente domina completamente il Full HD senza compromessi. Terrei a dire che è assolutamente il best buy per quanto riguarda il 1080p perché potrete godere qualsiasi titolo anche oltre i 60 FPS.

Il pregio di questa scheda è il rapporto qualità/prezzo: per un cifra intorno ai 200 euro è possibile portarsi a casa una scheda nella fascia mid range sul lato prestazionale. Basti pensare che sulla stessa fascia di prezzo si trova la GTX 1060 da 3 GB che, oltre ad avere una VRAM limitata, differisce dalla versione 6 GB  con una quantità minore di CUDA cores. A confronto con la RX 580, si può contastare un distacco del 10% delle prestazioni, a favore di quest’ultima.

La RX 580 possiede due versioni: 4 GB e 8 GB di RAM. Non è il caso della GTX 1060: le due schede condividono la stessa architettura e stessa quantità di cores, variano soltanto i GB di memoria dedicata.

E’ sempre raccomandato scegliere sulla versione da 8 GB in quanto la differenza di prezzo è veramente bassa e rende possibile spingere i dettagli grafici oltre, evitando una possibile saturazione della memoria.

In ambito lavorativo le schede video AMD rendono meglio con OpenCL.

Per chi invece non ha bisogno di superare a tutti i costi 60 FPS e comunque avere una scheda video contenuta in termini di prezzo, si può optare per la sorella minore, la Radeon RX 570, che, ad un prezzo inferiore (140 euro circa), riesce a tenere il Full HD 60FPS su una gran parte di giochi presenti sul mercato (soprattutto quelli che non richiedono troppa grafica o quelli competitivi)

.

Nvidia GeForce GTX 1660

L’alternativa ad AMD è l’NVIDIA GTX 1660.

Annunciata agli inizi dell’anno 2019 con un prezzo leggermente superiore alla RX 580, ma con prestazioni migliori, la scheda non ha nessun problema con il 1080p. E’ possibile anche andare sul 1440p per giochi molto leggeri a livello di grafica (soprattutto quelli orientati al competitivo).

Ad un prezzo di circa 250 euro è una scheda che si posiziona nel mid range delle schede video.

Il valore aggiuntivo che viene dato alle schede video Nvidia è ovviamente poter utilizzare le libreria CUDA, utilissime per molti programmi lavorativi come AutoCAD, Suite Adobe, ecc..

Schede video per il Quad HD

Nvidia GeForce RTX 2060

La RTX 2060 è un’ottima scelta sulla fascia entry level del Quad HD (1440p) e della nuova tecnologia Ray Tracing.

E’ in grado di poter supportare il Full HD a 144 Hz senza problemi ed è possibile arrivare fino al Quad HD a 60 Hz (anche oltre per giochi leggeri). Per introdursi nel mondo del QHD, con qualche compromesso per i giochi Tripla A, è perfetta. Inoltre è provvista della tecnologia Ray Tracing, maturata nel corso del 2019 e utilizzabile sempre di più su giochi usciti o che usciranno nel futuro.

La RTX 2060 possiede 1920 CUDA cores e 30 RT cores. Essendo gli RT cores pochi rispetto alle altre schede provviste di Ray Tracing, quando viene attivata la tecnologia si vanno a perdere molte prestazioni che potrebbe comportare ulteriori compromessi grafichi.

AMD Radeon RX 5700/5700 XT

Scheda parecchio discussa nella prima metà del 2019 in quanto avesse poco senso in confronto alla sorella maggiore, ovvero la RX 5700 XT.

Come prezzo si posiziona sulla stessa fascia della RTX 2060, portando migliori performance. Tuttavia bisogna ricordare che manca totalmente il Ray Tracing.

Prestazioni ottime per il Full HD ad alte frequenze e mediocre per il Quad HD.

Può essere comunque una buona scelta proprio per il prezzo.

Con circa 100 euro in più si può optare per la RX 5700 XT. Scheda video che domina il Quad HD, potendo arrivare ai 144 Hz in alcuni casi.

Attualmente per entrambe sono presenti solo pochissime custom bi-ventola. Verso fine anno sarà disponibile una raccolta più vasta di versioni.

Schede video per l’ Ultra HD

Nvidia GeForce RTX 2080/ RTX 2080ti

Assolutamente la scheda video più potente sul mercato attualmente, la RTX 2080 domina parzialmente l’Ultra HD o 4k (2160p), mentre la 2080ti completamente. Con queste schede video si ha un’esperienza di gioco totalmente immersiva con i titoli più recenti e con la possibilità di attivazione del Ray Tracing. Ovviamente ha un costo elevato che non è alla portata di tutti.

Ci terrei a dire che questa tipologia di RTX è destinata maggiormente per il gaming, mentre per ambito più improntato verso la produttività, Nvidia ha sviluppato le Titan RTX.

AMD Radeon VII

AMD su questa fascia non ha mai dato il massimo ma con la Radeon VII, ci è riuscita, o quasi.
La scheda video possiede la caratteristica di essere la primissima ad avere un processo produttivo di 7nm, sviluppata solamente per il gaming.

Ribattiamo sul fatto che non è possibile sfruttare nessuna tecnologia in quanto utilizza la tecnologia Vega che troviamo su schede video piuttosto vecchie.

Non è sicuramente consigliata se si vuole sfruttare al massimo l’Ultra HD (diversamente dalla 2080ti). Comunque può essere una scelta valida per il prezzo.

In Conclusione

Molte schede video non sono presenti in quanto molte di queste non sono più prodotte dalle case produttrici o comunque non sono più una valida scelta come schede video nuove. Ricordate che è meglio sempre risparmiare qualche soldo quindi cercate anche sull’usato di trovare un buon compromesso che soddisfi le vostre esigenze.

Spero che la lista sia utile per poter avere un’idea generale sul mondo delle schede video. Vi ricordo che abbiamo prodotto altre liste come  “Miglior Notebook 2019” , “Top Smartphone 2018” e “Miglior SSD 2019“.

Per maggiori dettagli e informazioni, potete chiedere direttamente sul nostro Forum oppure scrivere un commento qua sotto!

miglior SSD 2019

Miglior SSD 2019 | Lista

Arriva la classifica miglior SSD 2019 selezionando, in base a vari criteri spiegati sotto, con estrema precisione ogni SSD per garantire il miglior rapporto qualità-prezzo firmato Tebigeek Forum.
Lo Store a cui faremo riferimento sarà Amazon.

“In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei”

Amazon Prime Gratis

Come abbiamo già accennato spesso e come è ormai risaputo, Amazon mette a disposizione la prova gratuita di Amazon Prime per 30 giorni.

Opzione attualmente quasi indispensabile per proseguire in acquisti di articoli di uso quotidiano, per beneficiare di spedizioni rapide e gratuite ed accedere a particolari offerte.

amazon-primeMiglior SSD 2019 | Agosto

Piuttosto che tracciare la variazione di prezzo, abbiamo confrontato le varie modalità di garanzia di ogni prodotto, le prestazioni garantite minime e la loro stabilità in varie situazioni estreme dei miglior ssd 2019. Per questioni legate alla versatilità, presenteremo solo SSD SATA.

Un po’ di chiarezza sugli SSD

Le tecnologie a Stato Solido sono il futuro degli Hard Disk. Su questo non ci sono dubbi da fin troppi anni. Ma quali sono i Pro e i Contro degli SSD?

Pro:

Contro:

  • Le prestazioni decadono col tempo.
  • Essendo memoria FLASH, diventa inutilizzabile dopo un certo numero di scritture.

Ovviamente un articolo di promozione degli SSD non avrebbe senza con questi tipi di problemi. Ci sono delle tecniche per prolungarne la vita oltre alla garanzia del produttore che va da un minimo di 3 anni ad un massimo di 10.

Oltre a non dover fare deframmentazioni, evitare la paginazione (file di paging) e rimuovere l’ibernazione, in dotazione vengono forniti software che sono in grado di segnalare la teorica vita rimanente del dispositivo in base all’utilizzo che ne si sta facendo.

Fascia 64-128 GB

Utile acquistare un SSD con questa capacità per installarci sistema operativo e programmi fondamentali. Indubbiamente necessaria l’aggiunta di un HDD di capienza aggiuntiva.

KingDian 60 GB

Inizialmente si può essere scettici leggendo la marca e guardando il misero prezzo.

Testato e molto efficiente. Consigliato per vecchi pc, non vi aspettate prestazioni pari ai competitor. La sua pecca sta nella scrittura sequenziale che non risulta allineata alla lettura, quindi ottimo per l’uso quotidiano ma non per operazioni che richiedono estrema rapidità.

Kingston A400

Differentemente dal precedente, oltre alla capacità ed al prezzo leggermente superiore, questo SSD garantisce prestazioni in scrittura quasi allineate alla scrittura. Decisamente un prodotto di marca anche più nota. Ma se volete spendere il minimo per provare questa tecnologia allora bisogna acquistare il KingDian.

WD WDS120G2G0A

In versione aggiornata al 2018, la serie WD Green presenta tecnologie molto interessanti che rendono questo prodotto uno dei miglior ssd 2019.

Fascia 256-512 GB

In questa fascia è necessario osservare anche la garanzia del prodotto, quindi vengono selezionati solo prodotti che garantiranno la conservazione dei vostri dati e prestazioni massime.

Drevo X1 Pro

La Drevo talvolta regala anche un Baseball Cap se postate un’immagine su social taggando la pagina. Costa poco, fa quello che deve fare. Ovviamente le prestazioni non sono le stesse garantite dei successivi SSD, ma comunque ottime.

Samsung MZ-7KE256BW

La serie 850 PRO pur essendo più datata e più costosa della 860 PRO, è stata ed è la più utilizzata nelle più rispettabili build. Le tecnologie presentate dalle due versioni sono diverse. Ma la cosa sensazionale è la garanzia di 10 anni (guarda anche i tbw, ovvero Terabytes written).

Crucial MX500

La Crucial mette spesso in offerta gli SSD, soprattutto in occasione di Black Friday e via discorrendo. Cosa rende consigliabile un SSD da 500 GB a meno di 70 euro? Sicuramente il prezzo bassissimo e l’azienda nota.

Samsung MZ-7KE512BW

Ancora un altro 850 PRO, il motivo è identico a quello sopra. Nella configurazione 512 GB mantiene ancora un prezzo accettabile per un prodotto con garanzia 10 anni e prestazioni top. Probabilmente il miglior ssd 2019 per rapporto qualità/prezzo e capienza.

Fascia 1-2 TB

Il criterio adottato in questa fascia è per prezzo minore piuttosto che per prestazioni. SSD di questa capienza con prestazioni top costano davvero troppo.

Ne è consigliato l’acquisto solo in caso non si vogliano effettuare modifiche (es. aggiunta hdd di supporto).

Samsung MZ-76E1T0B

Adesso viene presentato l’860 EVO le cui prestazioni possono variare in base all’hardware e alla configurazione del sistema. Per cui si presenta ad un prezzo veramente basso e risulta uno dei più acquistati ed apprezzati ssd nel 2019.

Samsung MZ-76P1T0B/EU

Perché l’860 PRO e non l’850 PRO? Perché l’850 PRO costa praticamente il doppio e non conviene spenderci così tanti soldi per un SSD SATA. Piuttosto cambiare computer ed adottare tecnologie più avanzate (quali mSATA o M.2).

Crucial MX500 CT2000MX500SSD1(Z)

Crucial si contraddistingue anche sui 2 TB. Il discorso è analogo a quanto detto prima.

Samsung MZ-76E2T0B

Per concludere la lista, l’ultimo dei miglior ssd 2019 da 2 TB risulta essere un Samsung 860 EVO ottimo sia per portatili che per fissi e con prezzo non superiore a 310 euro.

In conclusione

Questa volta la lista presenta molti più prodotti rispetto le precedenti come ad esempio gli altri della rubrica: “Miglior Notebook 2019” e “Top Smartphone 2018“.

Per maggiori informazioni, la politica adottata sulla selezione delle marche è pressoché uguale per tipologie di porte differenti (mSATA e M.2), contattateci ugualmente sul nostro Forum o scrivendo un commento qui sotto.

intel core i9-9990XD

Intel Core i9-9990XE: Asta online per 14 core a 5 GHz

Il nuovo processore della casa produttrice blu, l’Intel Core i9-9990XE, sarebbe ormai pronto per immettersi nel mercato dei consumer, come tutti sperano. Il problema principale di questo processore sarà la modalità di acquisto. Secondo quanto dice il sito Anandtech, la nuova bestia potrà essere acquistata solamente da alcuni integratori di sistemi selezionati, aggiudicabile solo con un’asta online.




Il prezzo dipenderà dai partecipanti stessi e solo pochi avranno la possibilità di possedere il processore, poiché Intel terrà un’asta ogni fine trimestre a partire da fine Gennaio (solo 3 partecipanti sconosciuti sono stati dichiarati fino ad ora). Un approccio notevolmente diverso da quello solito da parte della casa di Santa Clara.

i9-9990XECaratteristiche dell’i9-9990XE

Siamo stati ormai abituati che le versioni Extreme siano processori dotati di molti core con HyperThreading. L’attuale top di gamma Intel Core i9-9980XE, presentato ad ottobre, offre 18 core e 36 thread con un base clock di 3 GHz e boost fino 4,5 GHz. Il nuovo processore i9-9990XE invece avrà 14 core e 28 thread, con un base clock di 4 GHz fino ad arrivare a 5 GHz!

Questo sottolinea notevolmente la potenza e le prestazioni di questo nuovissimo top di gamma (anche se con meno core), che porta i propri consumi fino a 255 Watt (rispetto ai 165 dell’attuale top di gamma). Per poter supportare l’i9-9990XE, le schede madri dovranno avere il socket LGA 2066/X299 con una erogazione di 420 ampere e 30 ampere per core.

Nel corso delle ultime giornate, sempre Anandtech ha aggiornato il proprio articolo con le seguenti parole:

Intel Core i9-9990XE è progettato specificatamente per l’industria dei servizi finanziari in virtù dei requisiti specifici dei clienti. Dato che il Core i9-9990XE è stato creato con specifiche uniche e un’alta frequenza per rispondere alle necessità di carico di questa industria, può essere prodotto solo in quantità limitate e non sarà ampiamente disponibile. La CPU sarà offerta tramite asta per assicurare equità nella distribuzione

In italia ancora nessuna informazione riguardo ad una possibile asta. Vi terremo aggiornati.