Notizia

Cos’è una colonia penale? Brittney Griner Le condizioni carcerarie russe esaminate

Ads

La pena detentiva di nove anni inflitta giovedì alla star del basket statunitense Brittney Griner ha suscitato indignazione tra molti, inclusi gli utenti dei social media, l’NBA e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden che hanno definito il verdetto “inaccettabile” e hanno chiesto alla Russia di rilasciarla “immediatamente”.

Griner è stato trovato in possesso di cartucce di vaporizzatori contenenti olio di cannabis in un aeroporto di Mosca a febbraio, lo stesso mese in cui la Russia ha invaso l’Ucraina. I suoi avvocati hanno in programma di appellarsi alla decisione della corte nel tentativo di riportarla a casa negli Stati Uniti, ma per ora dovrebbe scontare la pena in una colonia penale.

Le colonie penali, che includono baracche circondate da recinzioni di filo spinato, si sono sviluppate dai campi di lavoro spesso mortale sotto l’ex leader dell’Unione Sovietica Joseph Stalin al modello odierno in cui i prigionieri svolgono lavori più leggeri come cucire uniformi militari invece di estrarre.

La Russia ha una storia di famigerate prigioni quando era l’Unione Sovietica, compresi i campi di lavoro forzato che operavano sotto un sistema chiamato Gulag, acronimo di Glavnoe Upravlenie Lagerei, o Main Camp Administration. I campi hanno avuto circa 18 milioni di prigionieri dal 1919 al 1955, due anni dopo la morte di Stalin.

Cos'è una colonia penale?
La star del basket statunitense Brittney Griner è stata condannata a nove anni in una colonia penale russa. Sopra, Griner all’interno di una gabbia degli imputati durante un’udienza a Khimki, fuori Mosca, il 4 agosto 2022.
Foto di EVGENIA NOVOZHENINA/POOL/AFP tramite Getty Images

Colonie penali, che costituiscono la stragrande maggioranza delle carceri russe con 684 dei 692 penitenziari, secondo Il New York Timesdifferiscono da una tipica prigione statunitense.

Gli agenti penitenziari nelle carceri federali negli Stati Uniti non possono molestare i prigionieri come parte del loro lavoro. Secondo l’organizzazione no profit How to Justice, le molestie includono l’uso di un linguaggio offensivo con i prigionieri. Inoltre, gli ufficiali penitenziari non sono autorizzati a fare richieste “irragionevoli” ai prigionieri, anche se possono dare ordini.

L’attivista russo Konstantin Kotov ha scontato 18 mesi in una colonia penale nel 2019 per essere stato coinvolto in una protesta non autorizzata. Ha detto all’Associated Press nel 2021 che le strutture erano “abbastanza buone” e che c’era “cibo più o meno decente”. Tuttavia, ha sottolineato che il servizio medico è lento, dicendo che ha dovuto aspettare due mesi per far esaminare un’eruzione cutanea che si è rivelata essere scabbia.

“Ma è tutto in termini di cose positive”, ha detto Kotov ad AP.

Leggi di più
  • La frase di Brittney Griner suscita indignazione da Joe Biden, NBA e altro
  • Brittney Griner condannata dal vivo: Griner può “parlare a malapena”, afferma il suo avvocato
  • Brittney Griner condannata a 9 anni di prigione russa per traffico di droga

Le guardie carcerarie della colonia penale in cui era detenuto Kotov avrebbero molestato i detenuti in situazioni minori come non salutare un ufficiale o non indossare guanti quando fa freddo, ha detto.

“La cosa più importante di questi rimproveri è che li usano per privarti della possibilità di ottenere la libertà vigilata”, ha detto l’anno scorso. “Quindi non saluti un ufficiale e rimarrai dietro le sbarre fino alla fine del tuo mandato.”

Dmitry Demushkin, un leader nazionalista russo che è stato detenuto in una colonia penale, ha detto al notiziario RT che le richieste fisiche erano brutali, secondo AP.

“Molto peggio delle percosse è il regime di detenzione”, ha detto. “O stai in piedi dalle sei alle otto ore al giorno o ti siedi con la schiena dritta, le gambe unite, le braccia sulle ginocchia e non si può fare nulla.

“Per qualsiasi azione, ad esempio, se vuoi grattarti il ​​naso, devi ottenere il permesso dagli ‘attivisti'”, i detenuti che riferiscono alle guardie del comportamento dei loro compagni di prigionia.

Kotov e Demushkin non hanno subito percosse, nonostante fosse una pratica comune in altre prigioni russe, secondo AP.

Aggiornamento 8/4/22, 18:07 ET: questa storia è stata aggiornata con ulteriori informazioni.

Ads

Oliver Barker

Nació en Bristol y se crió en Southampton. Tiene una licenciatura en Contabilidad y Economía y una maestría en Finanzas y Economía de la Universidad de Southampton. Tiene 34 años y vive en Midanbury, Southampton.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button