Notizia

Donald Trump dice che non può essere citato in giudizio per frode perché ha rimborsato i soldi

L’ex presidente Donald Trump ha scritto giovedì sui social media che non può essere citato in giudizio per frode perché ha rimborsato i prestiti presi in prestito da istituti di credito “per intero o prima della data di scadenza” o li sta ancora rimborsando.

Trump stava rispondendo a una causa civile annunciata mercoledì dal procuratore generale di New York Letitia James.

Donald Trump parla a Dallas, in Texas
Donald Trump parla alla Conservative Political Action Conference (CPAC) presso l’Hilton Anatole il 6 agosto 2022 a Dallas, in Texas. L’ex presidente sta affrontando una causa civile a New York che sostiene di aver gonfiato il suo patrimonio netto.
Brandon Bell/Getty Images

Sostiene che lui, la Trump Organization e i suoi figli, Donald Trump Jr., Eric Trump e Ivanka Trump, avevano gonfiato il suo patrimonio netto e truffato istituti di credito e altri con rendiconti finanziari falsi e fuorvianti.

Giovedì l’ex presidente ha condiviso uno screenshot di un tweet critico nei confronti della causa sulla sua piattaforma di social media Truth Social.

“Non ci sono danni, le banche hanno ricevuto pagamenti di interessi completi e, dopo anni di ricezione di questi pagamenti e di aver guadagnato molti soldi con tale ricevuta, per non parlare delle commissioni, i prestiti sono stati rimborsati integralmente entro la data di scadenza o, i prestiti sono in corso e ricevono il pagamento completo degli interessi”, ha scritto Trump.

“Peekaboo James è un razzista che sta cercando di ottenere denaro per le banche che non ne hanno diritto. Dovrebbe concentrarsi su omicidio, stupro, droga e altri crimini che stanno distruggendo New York. Le banche ricche non hanno bisogno del suo aiuto!” l’ex presidente ha continuato con le sue affermazioni infondate.

Trump ha accusato James, che è nero, di essere un razzista in precedenza e ha affermato che la sua indagine sui suoi affari finanziari è motivata politicamente.

Mick Mulvaney, uno degli ex capi di gabinetto di Trump alla Casa Bianca, giovedì ha fatto un argomento simile sui rimborsi dei prestiti su Twitter.

“Finalmente ho superato la NY AG [New York attorney general’s] denuncia contro Trump”, ha scritto Mulvaney. “Fammi capire bene: l’AG lo ha citato in giudizio per frode… quando ha preso in prestito dei soldi… e poi li ha restituiti?

“Seriamente, chi è la vittima qui? Se le banche pensassero di essere state truffate, potrebbero citare in giudizio da sole”, ha twittato Mulvaney.

Non è chiaro quanto successo possa avere quell’argomento quando viene testato in tribunale. Settimana delle notizie ha chiesto un commento all’ufficio del procuratore generale di New York.

Leggi di più
  • L’aiuto proposto dal maestro speciale potrebbe costare a Trump $ 500 all’ora
  • Lara Trump suggerisce che i bambini stanno morendo di cancro a causa di Letitia James Probe
  • Tiffany Trump ottiene finte lodi come “pecora nera” della famiglia per aver evitato la causa

L’ex avvocato personale di Trump, Michael Cohen, ha suggerito giovedì che la causa potrebbe costare a Trump fino a $ 1 miliardo.

Cohen ha detto ad Ari Melber di MSNBC: “Una delle cose di cui hai parlato all’inizio è quella [James is] alla ricerca di 250 milioni di dollari. Non è esatto.

“Quello che ha detto era la linea di base di $ 250 milioni. Conoscendo i documenti come faccio io e conoscendo esattamente la frode in corso, vedo il numero tra $ 750 milioni e $ 1 miliardo”, ha detto Cohen.

Caroline Polisi, avvocato difensore federale di lunga data e analista legale, ha detto a MSNBC Buongiorno Joe giovedì che la causa potrebbe essere la “campana a morte” per la Trump Organization.

“L’ampiezza e la profondità di questa denuncia, oltre 200 pagine di fatti meticolosi… questo è un caso di documenti”, ha detto Polisi.

“I documenti non mentono. Il metraggio quadrato non mente. Si ha davvero la sensazione che l’Organizzazione Trump fosse più uno schema di frode con un po’ di attività legittime a volte spiegazzate rispetto a una vera organizzazione”.

Oliver Barker

È nato a Bristol e cresciuto a Southampton. Ha una laurea in Contabilità ed Economia e un Master in Finanza ed Economia presso l'Università di Southampton. Ha 34 anni e vive a Midanbury, Southampton.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button