Notizia

Emily Maitlis ha mostrato esattamente perché era la persona sbagliata per la BBC

Emily Maitlis, ex conduttrice della BBC Notiziario, ha una lunga e impressionante carriera nel giornalismo. Spesso è riuscita abilmente a detenere il potere di rendere conto in modo solido e rigoroso. Tuttavia, i suoi commenti durante la conferenza MacTaggart a Edimburgo questa settimana confermano il motivo per cui era totalmente inadatta a lavorare per la BBC.

Libera di esprimere finalmente le opinioni che molti di noi pensavano avesse sempre tenuto, Maitlis ha descritto questo discorso come una “espirazione”. Gli spettatori cinici potrebbero invece chiamarlo una spina per il suo prossimo podcast globale, Gli agenti di stampa.

Ha chiamato la sua conferenza “Boiling Frog: Perché dobbiamo smettere di normalizzare l’assurdo”. Il tema era il pericolo del populismo e come, a suo avviso, il giornalismo non è riuscito a tenere il passo con la sua graduale ascesa in Occidente.

Per quanto scritto in modo eloquente, il suo discorso virò nel territorio della cospirazione. Ha detto un membro del consiglio della BBC in carica [Sir Robbie Gibb, former director of communications for No 10] è “un altro agente attivo del Partito Conservatore”, in qualità di “arbitro dell’imparzialità della BBC”. Ha citato il Financial Times‘ riferendo che Gibb ha tentato di bloccare la nomina di giornalisti che considerava dannosi per le relazioni con il governo.

Nel 2021, Gibb avrebbe cercato di impedire a Jess Brammar di essere assunta come caporedattore di notizie della BBC, avvertendo che il suo reclutamento avrebbe potuto danneggiare la “fragile fiducia” nella società. Alla fine a Brammar è stato assegnato il ruolo principale nonostante i suoi post schietti sui social media, causando una lite per l’imparzialità.

Se fosse vero, non lo definirei un superamento da parte di Gibb. Al contrario, i membri del consiglio hanno il dovere di sfidare gli alti dirigenti. Qual è lo scopo di un consiglio se il controllo è disapprovato?

Guardo regolarmente la BBC e posso dire con sicurezza che non ha pregiudizi di destra. Se decine di infiltrati Tory girano per il quartier generale della BBC con l’intenzione di dare forma alla produzione di notizie, posso solo concludere che stanno fallendo miseramente nel compito.

Maitlis è apparentemente ancora addolorata e riluttante ad ammettere che il suo monologo introduttivo su Dominic Cummings nel 2020 durante il culmine della pandemia non è stata la sua ora migliore. Invece, ha sostenuto che la società ha cercato di “pacificare” i denuncianti e si è chiesto se stessero “forse inviando un messaggio di rassicurazione direttamente al governo”.

Ma Maitlis non si è limitata a riferire sui fatti del famigerato viaggio di Cummings a Barnard Castle – cosa che la BBC dovrebbe assolutamente fare – ha deciso di fare commenti supponenti. Ha affermato che Cummings aveva “infranto le regole”, che noi pubblico “lo possiamo vedere” e che l’umore del pubblico era di “furia, disprezzo e angoscia”. Questo semplicemente non era dimostrabile o accurato.

Né era la sua formulazione negligente quando dichiarava che Cummings aveva un debole per etichettare “l’etichetta pigra di ‘élite’ di coloro che non erano d’accordo”. Il pubblico non è stupido. Erano perfettamente in grado di prendere una decisione su questo argomento.

Il che porta a un altro argomento rivelatore e preoccupante all’interno del suo discorso. Maitlis ha parlato della società che ha raggiunto un “equilibrio superficiale” di “entrambi i lati positivi” durante i dibattiti sulla Brexit quando i produttori di Notiziario cercherebbe di trovare economisti pro-Brexit ed economisti anti-Brexit per sostenere allo stesso modo la loro tesi. Maitlis sembra ritenere che le voci delle minoranze non avrebbero dovuto ricevere la stessa quantità di visibilità, poiché non rientravano nella categoria del consenso rispettato. O peggio ancora, il pubblico avrebbe dovuto essere consapevole – come i bambini che sono – che una parte era davvero corretta.

Vale la pena ricordare che gli economisti Remainer hanno fatto previsioni che non si sono avverate, come le imprese in fuga dal Regno Unito in massa e il crollo del commercio dopo la Brexit.

Questa opinione condiscendente è tristemente condivisa da molti a sinistra e dovrebbe essere affrontata ogni volta che alza la sua brutta testa, specialmente nel caso della Brexit. È allarmante che un giornalista di alto livello e rispettato, a cui fino a poco tempo fa è stata pagata una grossa somma dal contribuente, stia essenzialmente sostenendo la limitazione del diritto del pubblico in generale a farsi rappresentare le proprie opinioni.

Lo scopo della BBC non è quello di dettare e influenzare. È informare onestamente e professionalmente. La fiducia del pubblico nei media è già precaria. Anche se Maitlis continuerà a fare molte cose brillanti, è senza dubbio per il meglio che abbia lasciato la nostra rispettata emittente nazionale.

Oliver Barker

È nato a Bristol e cresciuto a Southampton. Ha una laurea in Contabilità ed Economia e un Master in Finanza ed Economia presso l'Università di Southampton. Ha 34 anni e vive a Midanbury, Southampton.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button