Enel Open Fiber per una fibra ottica più veloce

0
721

Per una rete internet in fibra ottica ultra veloce è stato firmato l’accordo Enel, Vodafone e Wind che entro tre anni farà capolinea in 224 città d’Italia. Questo grazie anche all’investimento di Enel di ben 2,5 miliardi di euro e alla società di Tommaso Pompei, la Enel Open Fiber.

Enel Open Fiber, il punto della situazione dell’accordo

Enel Open Fiber

Telecom Italia è il principale concorrente per quanto riguarda la fibra ottica e l’accordo Enel (Vodafone e Wind comprese), ma ci sono delle differenze tra le due aziende. Difatti Enel non farà altro che affittare la propria rete agli operatori con cui c’è l’accordo grazie all’investimento dell’azienda Enel Open Fiber, anche perché quest’ultima ha dichiarato che non vorrà entrare nel settore delle telecomunicazioni, offrendo quindi, solo l’infrastruttura. Non è detto comunque che altri operatori tra cui Telecom (Tim) possano accordarsi e usufruire anche loro di questo servizio.

 C’è differenza tra gli altri concorrenti che offrono la fibra ottica?

I servizi di fibra ottica offerti fino ad ora sono di tipo FTTC (Fiber To The Cabinet), ciò sta a significare che anche avendo una rete veloce, man mano che ci si allontana dalla cabina la velocità sarà ridotta. Al contrario, il servizio che offre Enel sfrutta le condutture elettriche e si riusciranno a portare i cavi della fibra ottica direttamente nelle case degli italiani, ottenendo così un servizio FTTH (Fiber To The Home), di conseguenza molto più performante. 

Enel Open Fiber

D’altro canto Fastweb non è rimasta solo a guardare e ha deciso quindi di potenziare la propria fibra ottica portandola a 200 Mb/s, unica pecca è che sarà disponibile per tutta la popolazione italiana solo entro il 2018, per ora solo poche città avranno la copertura. Ritornando al servizio offerto da Enel, i lavori inizieranno a Maggio da Perugia e a seguire ci saranno Venezia, Bari e Catania… Entro la fine del 2016 altre città come Genova, Firenze, Napoli, Palermo (isole comprese) avranno la copertura.

Facebook Comments

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO