FBI contro Apple: lo scontro rivela un vincitore

0
298

Dichiara il dipartimento di giustizia: “Non abbiamo più bisogno di Apple”

FBI contro Apple iphoneVi avevamo già parlato della disputa FBI contro Apple. Oggi, da quanto è stato espresso dal dipartimento di giustizia, l’iPhone 5C del terrorista Syed Rizwan Farook è stato sbloccato. Di conseguenza il governo ha ritirato la causa legale nei confronti di Apple.

FBI contro Apple: una breve sintesi

La diatfbi contro appleriba inizia dopo la strage di San Bernardino. Avvenuto il 2 dicembre 2015 all’Inland Regional Center, lo scontro coinvolge 14 morti e 23 feriti. Dopo aver ritrovato un iPhone 5C di uno dei tiratori, FBI chiede ad Apple di sbloccare il dispositivo attraverso l’utilizzo di una backdoor, dato che il dispositivo era bloccato tramite autenticazione di impronte e codice di sblocco.

Sarebbe inammissibile per il Governo obbligarci a creare una backdoor. Siamo spaventati che questa richiesta possa minacciare la libertà dei cittadini.

Tim Cook è stato restio nei loro confronti utilizzando come pretesto la privacy dei loro utenti per non accedervi all’interno. Come si sa, iOS è (o stato) uno dei sistemi più protetti al mondo.

Perfino Google, Facebook e Twitter sono stati di parte, condividendo appieno le motivazioni promosse dall’azienda produttrice di iPhone.

Però, vista la non partecipazione da parte dell’azienda di Cupertino allo sblocco del dispositivo, il governo chiede aiuto ad una società israeliana.

La svolta: FBI scavalca Apple, come finirà?

Sembrava tutto rose e fiori dopo l’ultimo evento, dove sono stati presentati nuovi dispositivi. Dopo un periodo di felicità, Apple fa un passo indietro per il suo tanto stimato sistema di sicurezza offerto ai suoi utenti.

La notizia è stata data alcune ore fa dal dipartimento di giustizia:

Il governo e’ riuscito ad accedere con successo ai dati contenuti dell’iPhone di Farook per questo non ha più bisogno dell’assistenza di Apple

Ma la battaglia legale, però, sembra non essere cessata. Come già si era stabilito  agli inizi, in caso si fosse trovato il modo per entrare all’interno del dispositivo, bisognava segnalarlo ad Apple in qualunque circostanza.

Apple e FBI, la situazione si ribalta

Sembra essere la giustizia americana ad avere in pugno la società ora come ora, avendo a disposizione un metodo per entrare dentro i dispositivi.

fbi contro appleVerrà resa nota la procedura utilizzata? Sarà difficile, soprattutto dopo tutto quello che è successo prima.

Tim Cook teme per la privacy dei loro utenti, cosa succederà ora che il governo ha ottenuto ciò che si era proposto tempo fa? Alla fine, secondo quanto riportato da un’indagine, è ciò che noi volevamo.

Facebook Comments

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO