Galaxy Note 6: I primi rumors sulle caratteristiche

0
588

Nuovi rumors iniziano a girare riguardo al prossimo gioiellino di casa Samsung, il Galaxy Note 6. Particolari novità li troveremo nella batteria e nel display.

Le presunte novità di Galaxy Note 6

Dalle presunte indiscrezioni Samsung sarebbe incerta se montare un display tradizionale, quindi piatto, o curvo ai bordi come ormai presente nei dispositivi della serie edge sul prossimo Galaxy Note 6. In quest’ultimo caso però con un display curvo la ormai consolidata S Pen non potrebbe essere adottata, in quanto è impossibile creare uno spazio dove metterla come nei precedenti modelli appunto, nei bordi. Ovviamente la risoluzione del dispositivo sarebbe QHD in entrambi i casi, display con o senza curvatura.

Galaxy Note 6

Altra differenza dal suo predecessore sarebbe la batteria, dai “soli” 3000 mAh del Samsung Galaxy Note 5 si passerebbe a ben 4000 mAh per questo Note 6. Questa indiscrezione potrebbe risultare veritiera dal momento che Samsung è riuscita ad aumentare la batteria del Galaxy S7, rispetto all’S6 (entrambi di 5,5″) aumentando di poco, solamente lo spessore passando da 2550 mAh di quest’ultimo a 3600 mAh. Quindi lo stesso potrebbe accadere per il nuovo modello dell’azienda coreana, che però ricordiamo di prendere queste informazioni con le pinze in quanto ancora soltanto rumors.

Tutto qui? Altre novità?

A completare questo ipotetico smartphone atteso da molti potremmo aver ben 6 GB di RAM e con un minimo di 32 GB di ROM, ovviamente espandibile con Micro SD. Per quanto riguarda il processore potremmo trovare a bordo un insicuro e incerto Snapdragon 823 o un Exynos 8890. Cosa che ci sarà certamente, come ormai su tutti i Galaxy sarà l’impermeabilità con certificazione IP68.

Galaxy Note 6Quest’immagine ci mostra chiaramente le caratteristiche di un quasi sicuro Galaxy Note 6. Come potete notare le caratteristiche elencate in precedenza le ritrovate qui. Manca ancora molto alla presentazione di questo smartphone, o meglio phablet ma sicuramente ne sentiremo parlare.

Facebook Comments

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY