Notizia

Il cancelliere afferma che la demolizione del limite ai bonus dei banchieri porterà posti di lavoro a Londra da Francoforte

Sollevare il tetto ai bonus dei banchieri aumenterà gli investimenti e farà crescere l’economia, ha affermato il Cancelliere, difendendo la decisione dagli avvertimenti che causerebbe un processo decisionale finanziario rischioso.

Kwasi Kwarteng è stato disturbato dai parlamentari dell’opposizione quando ha confermato i piani per alzare il tetto ai bonus dei banchieri come parte delle misure di deregolamentazione post-Brexit.

I critici hanno affermato che le regole a livello dell’UE, che limitano i bonus al doppio dello stipendio di un dipendente, aumentano la retribuzione di base e significano che il Regno Unito non è stato una base interessante per le banche.

Tuttavia, coloro che hanno messo in guardia contro la mossa hanno affermato che il limite – implementato nel 2014 – è stato introdotto per dissuadere i banchieri dal prendere il tipo di decisioni finanziarie rischiose che hanno portato al crollo del 2008.

Il governo ha sostenuto che consentire che i bonus siano illimitati allinea gli incentivi dei banchieri a quelli del loro datore di lavoro che, ha affermato, sostiene la crescita economica.

Ma Michael Barnett, un partner di Quiillon Law e che ha lavorato su casi durante la crisi finanziaria del 2008, ha affermato che la decisione ricorda in primo luogo l’ambiente economico che ha portato al crollo.

“I bonus dei banchieri erano visti come emblematici di un’industria dei servizi finanziari che implodeva, alimentata da una cultura basata sull’avidità e sulla ricerca del profitto ad ogni costo”, ha affermato.

“Bonus e altri incentivi finanziari hanno costituito una componente importante di molte richieste che sono state presentate nei tribunali, con successo o meno”.

Il gigante dei servizi finanziari PwC ha affermato che l’abolizione del limite offrirebbe “maggiore flessibilità alle banche del Regno Unito” offrendo “il potenziale per ridurre i costi fissi […] che probabilmente potrebbe portare un vantaggio competitivo al Regno Unito”.

E Ryan Shorthouse, amministratore delegato del think tank di centrodestra Bright Blue, ha affermato che l’annuncio è stata una decisione politica per mostrare che il nuovo Cancelliere voleva “inviare segnali drammatici” che il governo “cambia rotta e punta alla crescita”.

“Le politiche più controverse – taglio dell’aliquota addizionale, dell’imposta sulle società e del tetto ai bonus dei banchieri – difficilmente avranno effetti economici sostanziali, ma sono politicamente potenti: reinventare il marchio Tory, liquidare la sinistra e mostrare questo governo significa spudoratamente affari”, ha detto.

Ma la mossa è stata criticata da enti di beneficenza che hanno sostenuto che i banchieri avrebbero visto la loro paga salire alle stelle proprio mentre le famiglie stavano lottando per sbarcare il lunario, dividendo ulteriormente i ricchi e i poveri.

Becca Lyon, responsabile della povertà infantile di Save the Children, ha dichiarato: “Il Cancelliere ha dato la priorità ai bonus dei banchieri piuttosto che aiutare i bambini vulnerabili a superare la crisi del costo della vita, i cui genitori laboriosi devono affrontare scelte impossibili”.

Il Cancelliere ombra del Labour’s Rachel Reeves ha detto che il Cancelliere aveva “chiarito quali sono le sue priorità. Non un piano di crescita, un piano per premiare i già ricchi”.

Il Cancelliere ha dichiarato: “Abbiamo bisogno di banche globali per creare posti di lavoro qui, investire a Londra e pagare le tasse a Londra, non a Parigi, non a Francoforte, non a New York. Tutto ciò che il bonus cap ha fatto è stato aumentare gli stipendi di base dei banchieri o promuovere l’attività al di fuori dell’Europa.

“Non ha mai limitato la remunerazione totale, quindi non sediamoci qui a fingere il contrario. Quindi ce ne libereremo”.

Ha aggiunto: “E per riaffermare lo status del Regno Unito di centro mondiale dei servizi finanziari, in autunno elaborerò un ambizioso pacchetto di riforme normative”.

Oliver Barker

È nato a Bristol e cresciuto a Southampton. Ha una laurea in Contabilità ed Economia e un Master in Finanza ed Economia presso l'Università di Southampton. Ha 34 anni e vive a Midanbury, Southampton.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button