Intel chip Atom: L’azienda abbandona la piattaforma

0
386

Intel chip Atom abbandonato dall’azienda californiana, questo è ciò che è stato annunciato pochi giorni fa..Intel quindi si tira fuori dal mercato degli smartphone e tablet cancellando anche le piattaforme SoFIA e Broxton mentre è ancora in produzione Apollo Lake.

Intel chip Atom è stato abbandonato, cosa succede ora?

Partiamo con ordine, in queste ultime due settimane Intel ha annunciato un ridimensionamento nella società con l’intenzione di investire in settori con più profitto, come per esempio la connettività 5G, FPGA, memoria 3D, data center e IoT. Ma ora l’azienda ha confermato la cancellazione delle piattaforme Broxton e SoFIA per smartphone e tablet. Mentre con Apollo Lake verrà continuato lo sviluppo che sarà orientato ai notebook, tablet e ibridi 2 in 1, SoFIA e Broxton presentati non più di un anno fa sono progetti cancellati definitivamente dalla roadmap. SoFIA è stata annunciata nel 2015 al Mobile World Congress e doveva essere l’architettura per i processore Atom x3 progettati con la collaborazione di Rockchip e Spreadtrum mentre, orientato nel settore dei tablet c’era Broxton.

Intel chip AtomIn questi ultimi cinque anni Intel ha prodotto molteplici processori per i dispositivi mobili, ma contrastare i colossi come Mediatek, Qualcomm e Samsung non è stato affatto facile. Il numero di device con a bordo il chip Atom in vendita attualmente sul mercato sono davvero pochi e spiccano in alto solo Asus con il suo ZenFone 2  e Dell con il Venue 8 7000, unici dispositivi con caratteristiche di un certo livello. A questo punto non ci resta che annunciare che quasi sicuramente non ci saranno più smartphone con processori Intel, ma d’altro canto sicuramente troveremo dei tablet basati sulla piattaforma Apollo Lake. Quindi mentre il chiacchierato Surface Phone potrebbe integrare un SoC con architettura ARM, sul mercato potrebbe fare la comparsa un quasi sicuro Surface 4. A questo punto non ci resta che aspettare e vedere cosa ci riserva Intel.

Facebook Comments

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY