IP-BOX: Il dispositivo che sblocca gli iPhone

0
512

Nel corso di queste ultime settimane si è parlato molto dell’iPhone 5c dell’attentatore di San Bernardino e di come, l’FBI, abbia avuto difficoltà nello sbloccare il dispositivo. Per i device con iOS a bordo la storia potrebbe cambiare; questo è l’ennesimo colpo basso per Apple che fino a poco tempo fa dichiarava che la violazione dei propri dispositivi sarebbe stata pressochè impossibile. Dietro tutto ciò ci sarebbe lo zampino di un piccolo dispositivo, IP-BOX.

iPhone a rischio per via di IP-BOX?

Code iPhone

Questo “malefico” dispositivo in grado di sbloccare i dispositivi dell’azienda di Cupertino (iPod Touch, iPhone e iPad) è possibile acquistarlo liberamente su internet alla modica cifra di 170$ e a quanto pare IP-BOX utilizzerebbe lo stesso metodo praticato dall’FBI per decifrare il codice da quattro cifre sull’iPhone 5c del terrorista Syed Farook. Lo scopo di questo dispositivo sarebbe di aiutare a recuperare dati ai famigliari di vittime in caso non abbiano modo di accedere allo smartphone. Ma ciò non esclude che possa essere usato anche dalle forze dell’ordine in modo inappropriato.

Il funzionamento di IP-BOX

IP-BOX a quanto pare funzionerebbe solo da iOS 7 in giù, in quanto riuscirebbe a scovare il codice da quattro cifre (nei sistemi operativi più recenti il codice è da sei) provando combinazione diverse fino ad ottenere quella esatta in un breve lasso di tempo. Il problema del codice a sei cifre dovrebbe essere bypassato a breve per via di un rilascio di una nuova versione con la compatibilità per iOS 8 e 9.

Cosa succederà ora?

Ad Apple non resta dunque che capire come i federali e gli ideatori di IP-BOX siano riusciti ad eludere il sistema di sicurezza del proprio sistema operativo e chissà se con il prossimo aggiornamento riusciranno a rendere più sicuro iOS in modo da rispettare i propri criteri ferrei di sicurezza.

Facebook Comments

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY