Notizia

Italia vs Inghilterra: valutazioni e analisi mentre i fan fischiano Gareth Southgate dopo la retrocessione della Nations League

Italia – Inghilterra 1-0 (Raspadori 68′)

SAN SIRO — Inghilterra retrocessa! Saccheggia Gareth Southgate ora! Coinvolgi Mauricio Pochettino per il resto della Nations League, spera che riesca a stabilizzare la nave, quindi vedi cosa può fare in Qatar!

Questo è, ovviamente, ridicolo. Ma a volte ti chiedi se i fan e gli esperti dell’Inghilterra preferirebbero davvero vedere #SouthgateOut prima dell’inizio della Coppa del Mondo tra due mesi, per quanto assurdo possa essere il suggerimento.

Anche prima della sconfitta contro l’Italia a Milano venerdì sera che ha segnato il destino piuttosto insignificante dell’Inghilterra della Nations League, era come se si fosse deciso che Southgate, che ha presieduto uno dei periodi di successo di tutti i tempi come allenatore della nazionale, sta volgendo al termine del suo mandato. Che l’Inghilterra sotto Southgate potrebbe anche non preoccuparsi di presentarsi in Qatar. Metti tutti fuori dalla nostra miseria ora.

C’è questo tipo di psiche meravigliosamente paradossale che è sempre esistita intorno alla squadra inglese: nient’altro che vincere la Coppa del Mondo o il Campionato Europeo è abbastanza buono, eppure la squadra è perennemente spazzatura, costantemente incapace di scrollarsi di dosso una nuvola di sventura e oscurità, sempre attiva sull’orlo del fallimento.

Non appena l’Inghilterra ha perso ai rigori nella finale di Euro 2020 la scorsa estate, è stata fatta a pezzi, apparentemente dimenticata che la squadra era a 23 dei 90 minuti dalla gloria, e solo un rigore li ha separati e gli eventuali vincitori.

L’ultimo campo, quando hanno perso due volte contro l’Ungheria e hanno pareggiato con l’Italia e la Germania, hanno affilato i coltelli. Il mancato gol contro l’Italia e la netta sconfitta di venerdì sera li vedranno senza dubbio precipitare di nuovo a Southgate durante il fine settimana.

Se hai dato un’occhiata a Internet durante l’intervallo, era già un disastro: noioso, poco entusiasmante, le tattiche erano sbagliate, i giocatori erano fuori posizione e tranne Phil Foden e Jude Bellingham il resto era inutile. Non fraintendetemi, ci sono cose molto migliori da fare il venerdì sera che passare quei 45 minuti di calcio, ma l’Inghilterra era alla pari con i campioni d’Europa in carica in Italia, dove non vincono dal 1961. E prima di tutto le metà del calcio spesso non contengono 45 minuti senza fiato.

Abbastanza sicuro, il gioco si è aperto nel secondo tempo.

Valutazioni dei giocatori

Italia (5-3-2): Donnarumma 7, Toloi 7, Bonucci 7, Acerbi 6, Di Lorenzo 6, Barella 6 (Pobega 6), Jorginho 7 (Fratessi N/A), Cristante 6, Dimarco 8 (Emerson N/A), Raspadori 8 (Gabbiadini 6) , Scamacca 6 (Gnonto 6)

Inghilterra (3-4-3): Pope 6, Walker 5 (Shaw 6), Dier 6, Maguire 5, James 6, Rice 6, Bellingham 7, Saka 5 (Grealish 6), Sterling 6, Foden 7, Kane 6

Con una sola partita rimasta fino alla Coppa del Mondo, ora è sicuramente il momento di iniziare a trarre conclusioni sulla squadra di Southgate. Una certezza è che Bellingham è pronto. In assenza dell’infortunato Kalvin Phillips, così eccellente a centrocampo in coppia con Declan Rice agli Europei, il 19enne Bellingham ha fatto la sua 11esima presenza competitiva con l’Inghilterra, pareggiando con Michael Owen e solo sei partite dietro Wayne Rooney per le partite più internazionali giocate da un adolescente inglese. Se l’Inghilterra andasse fino in fondo in Qatar e il Bellingham giocasse in ogni partita, si sposterebbe di un passo da Rooney.

E Harry Maguire ha ottenuto 90 minuti di calcio per lo più solido. Ci sono stati cori positivi per Maguire dal contingente di tifosi inglesi che viaggiano in alto sulle travi di San Siro prima del calcio d’inizio. Un gradito cambiamento rispetto ai fischi dei suoi stessi tifosi che per un po’ lo perseguitavano ovunque giocasse, per club o nazione.

Non è riuscito a prevenire alcuni nervi all’inizio e in un momento di panico nei primi minuti Giacomo Raspadori è corso su un pallone sopra le righe e si è ritrovato dietro il difensore del Manchester United. Maguire ha lanciato freneticamente un appello per il fuorigioco e quando non è stata alzata la bandierina ha cercato disperatamente di allontanare Raspadori dalla palla, ma non è riuscito a impedire all’italiano di tirare fuori.

È stato ben salvato da Nick Pope e Maguire ha urlato furiosamente al guardalinee, che alla fine ha indicato che era in fuorigioco e non avrebbe contato. Ma l’accenno di disperazione di Maguire forse mostra quanto si senta sotto pressione, nonostante il sostegno di Southgate e del capitano Harry Kane alla vigilia della partita.

Ma Maguire – insieme al resto della squadra inglese – sembrava ambientarsi nella partita e, dopo un’aggressiva raffica di apertura dall’Italia, la squadra di Roberto Mancini ha tirato solo un tiro nel resto del tempo. Eric Dier, che ha giocato per la prima volta per l’Inghilterra quasi due anni dopo aver impressionato per il Tottenham, è stato un’influenza calmante nel mezzo di una terza difesa.

È stato davvero solo un grande errore che è costato loro. Gran lungo sopra le righe di Leonardo Bonucci, Raspardori è riuscito a infilarsi alle spalle di Kyle Walker (cosa che capita di rado al difensore più veloce d’Inghilterra). Il primo tocco dell’italiano è stato meraviglioso, e quando ha tagliato e modellato per tirare, Walker gli ha dato troppo spazio per trovare l’angolo più lontano.

Quindi non è stato un grande risultato. È tutt’altro che una preparazione ideale. L’Inghilterra è spazzatura ma deve comunque vincere anche il Mondiale. Ed è sicuramente ora che Southgate se ne vada.

Oliver Barker

È nato a Bristol e cresciuto a Southampton. Ha una laurea in Contabilità ed Economia e un Master in Finanza ed Economia presso l'Università di Southampton. Ha 34 anni e vive a Midanbury, Southampton.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button