Divertimento

Jeffrey Dahmer Cannibal: Ha praticato il cannibalismo?

Foto segnaletica/Getty Jeffrey Dahmer era un cannibale?

Il serial killer Jeffrey Dahmer era un cannibale nella vita reale? Per quanto raccapriccianti siano stati i molteplici omicidi di Dahmer, le accuse di cannibalismo hanno aggiunto una svolta macabra.

La risposta è che sì, Dahmer praticava il cannibalismo, almeno secondo quanto ha detto alla polizia di Milwaukee. I dettagli, derivati ​​da articoli di giornale dell’epoca sulla testimonianza del processo, sono estremamente raccapriccianti e inquietanti, quindi state attenti.

Gli omicidi di Dahmer tra il 1978 e il 1991 stanno ricevendo una rinnovata attenzione come risultato di una nuova serie di docudrama Netflix. “Monster: The Jeffrey Dahmer Story” è iniziato in streaming il 21 settembre 2022. “In più di un decennio, 17 adolescenti e giovani uomini sono stati assassinati dall’assassino condannato Jeffrey Dahmer. Come ha evitato l’arresto per così tanto tempo?” chiede il sito Netflix per lo spettacolo.

Ecco cosa devi sapere:

Dahmer ha detto alla polizia di aver mangiato un cuore e condito un muscolo umano con salsa di bistecca

foto segnaletica Jeffrey Dahmer

Dettagli estremamente inquietanti sugli omicidi di Dahmer sono emersi durante il suo processo del 1992 a Milwaukee, nel Wisconsin. Tuttavia, si basano sul suo resoconto alla polizia e uno psichiatra credeva che avrebbe potuto mentire su alcuni di essi, vale a dire il cannibalismo, per rafforzare una difesa contro la follia.

È impossibile saperlo con certezza; la polizia ha trovato delle teste nel suo frigorifero.

Un articolo del 1992 nell’Eau Claire Leader-Telegram, accessibile tramite Newspapers.com, descriveva la testimonianza del processo. “I testimoni hanno raccontato di come Dahmer ha cucinato e mangiato un cuore, un bicipite e una coscia; come tagliò i cadaveri dallo sterno ai piedi e tagliò la carne in pezzi grandi come un pugno; e come ha inzuppato i torsi nell’acido e ha conservato teschi e altre parti come ricordi.

PlayIn questo giorno: Jeffrey Dahmer condannato a 15 ergastoliIl serial killer Jeffrey Dahmer è stato condannato il 17 febbraio 1992 dopo essere stato riconosciuto colpevole di aver ucciso e mutilato 15 ragazzi e giovani uomini.2016-02-17T20:58:54Z

Dahmer ha sostenuto al processo di essere pazzo, ma la giuria ha respinto la sua difesa. Fu condannato a più ergastoli e morì due anni dopo in una prigione dello stato del Wisconsin, dove fu picchiato a morte da un altro detenuto.

Il procuratore distrettuale ha anche affermato durante il processo che Dahmer aveva “l’obbligo di fare sesso con i cadaveri”.

Un articolo dell’Associated Press del 1992 afferma che ai giurati “è stato detto che ha mangiato un cuore e condito un muscolo umano con salsa di bistecca”.

Un altro articolo di AP del 1992, accessibile anche tramite Newspapers.com, citava uno psichiatra dicendo che Dahmer era diventato “una specie di cacciatore”, ma non era pazzo. “Ha conservato i resti come trofei.”

Quell’articolo diceva che Dahmer aveva drogato e strangolato le sue vittime, e “ha limato la maggior parte delle sue vittime, ha mangiato un cuore, un bicipite e una coscia e ha bollito alcuni teschi per tenerlo”.

Tuttavia questo psichiatra pensava che fosse possibile che Dahmer avesse mentito “quando ha detto alla polizia di aver mangiato la carne di alcune vittime e di aver praticato dei buchi nelle loro teste mentre erano in vita nel tentativo di creare partner sessuali simili a zombi”.

La polizia ha trovato teschi dipinti nell’appartamento di Dahmer e ha detto loro che ha cercato di creare zombi

foto segnaletica Jeffrey Dahmer

Un altro articolo dell’Associated Press sul processo per follia di Dahmer nel 1992 riportava che Dahmer, un operaio di una fabbrica di cioccolato, aveva cercato di creare “zombi”.

L’articolo riporta che la polizia ha trovato “teschi dipinti, immagini di uomini mutilati, teste mozzate in celle frigorifere” nell’appartamento di Dahmer.

Dahmer ha detto agli psichiatri che “cerca di rendere zombi alcune vittime prima che muoiano perforando loro la testa e versando acido o acqua bollente all’interno”.

Da ragazzo, ha fatto a pezzi i cani “e ha cercato uccisioni stradali”, riporta l’articolo.

LEGGI SUCCESSIVO: La causa della morte di Jeffrey Dahmer.

Oliver Barker

È nato a Bristol e cresciuto a Southampton. Ha una laurea in Contabilità ed Economia e un Master in Finanza ed Economia presso l'Università di Southampton. Ha 34 anni e vive a Midanbury, Southampton.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button