Divertimento

Jim Caviezel è stato colpito da un fulmine durante le riprese di “La passione di Cristo”

Ads

Un certo livello di rischio arriva solo con il lavoro per molti attori. Sia che gli attori stiano tentando le proprie acrobazie pericolose, attraversando terreni pericolosi per ottenere la ripresa perfetta o lavorando su un set con molti macchinari complicati, la magia di Hollywood non arriva senza incidenti e contrattempi.

Un pericolo che di solito non viene in mente è un fulmine, ma questa è proprio la minaccia che Jim Caviezel ha dovuto affrontare durante le riprese La passione di Cristo — e non è l’unico!

Jim Caviezel | Ilya S. Savenok/Getty Images

Jim Caviezel ha interpretato Gesù in “La passione di Cristo”

Quando è uscito nei cinema nel 2004, La passione di Cristo ha rappresentato uno dei progetti di passione di Mel Gibson (scusate il gioco di parole). In qualità di co-sceneggiatore della sceneggiatura e regista, Gibson ha avuto una mano pesante nella produzione (e ha persino insistito affinché i membri del cast imparassero a parlare l’aramaico per i loro ruoli).

” src=”https://www.youtube.com/embed/a65DHhobPw0?feature=oembed” frameborder=”0″ allow=”accelerometro; riproduzione automatica; appunti-scrittura; mezzi crittografati; giroscopio; picture-in-picture” allowfullscreen>

Il film descrive le ultime 12 ore della vita di Gesù, un periodo di tempo che inizia subito dopo l’Ultima Cena, e porta gli spettatori attraverso una rappresentazione brutale della crocifissione. Al centro di questa storia c’è, ovviamente, lo stesso Gesù, e Jim Caviezel ha avuto il suo lavoro ritagliato per lui interpretando un ruolo così iconico. I ruoli precedenti includevano il lavoro in drammi come GI Jane (1997) e Paga in avanti (2000), oltre a recitare al fianco di Jennifer Lopez in occhi d’angelo (2001).

Ad oggi, interpretare Gesù in La passione di Cristo è stato uno dei ruoli più riconoscibili di Caviezel e sembra pronto a riprendere la parte per un sequel (ancora una volta diretto da Mel Gibson) incentrato sulla resurrezione.

Jim Caviezel è stato colpito da un fulmine durante le riprese di “La passione di Cristo”

” src=”https://www.youtube.com/embed/2pVXhAhcqhc?feature=oembed” frameborder=”0″ allow=”accelerometro; riproduzione automatica; appunti-scrittura; mezzi crittografati; giroscopio; picture-in-picture” allowfullscreen>

Continua il lavoro di Caviezel La passione di Cristo è stato estenuante non solo per il contenuto brutale che doveva rappresentare, ma anche per alcuni bizzarri incidenti sul set. Come riporta The Guardian, la troupe stava girando in una località remota a poche ore da Roma quando Caviezel è stato colpito da un fulmine. Sorprendentemente, è stato segnalato come il secondo volta che è stato colpito sul set.

Secondo The Words, Caviezel ha riflettuto sull’esperienza straziante:

“Circa quattro secondi prima che accadesse, era tutto tranquillo, e poi è stato come se qualcuno mi avesse schiaffeggiato le orecchie. Ho avuto sette o otto secondi di, tipo, un colore rosa sfocato, e la gente ha iniziato a urlare. Dissero che avevo fuoco sul lato sinistro della testa e luce intorno al mio corpo. Tutto quello che posso dirti è che sembrava che fossi andato dal parrucchiere di Don King.

Un elenco degli infortuni di Jim Caviezel dal set aveva i fan scettici

Sebbene essere colpito da un fulmine sia certamente un trauma degno di nota, non è l’unico che Caviezel ha dovuto affrontare durante le riprese La passione di Cristo. In effetti, quando un elenco delle sue presunte ferite dal film è diventato virale sui social media, alcuni fan non potevano credere ai loro occhi.

Snopes, tuttavia, ha verificato che l’elenco fosse autentico. Caviezel ha davvero perso 45 libbre per il ruolo e ora ha una cicatrice di 14 pollici a causa di un infortunio alla frusta accidentale. Ha avuto una spalla lussata e ha sofferto di polmonite e ipotermia dal suo tempo sul set.

Le riprese, in particolare i fulmini, hanno avuto un tale impatto su Caviezel che ha finito per aver bisogno di un intervento chirurgico a cuore aperto dopo la fine del lavoro. Come riporta Catholic Courier, tuttavia, Caviezel afferma che ne è valsa la pena creare un film che mostrasse il trauma che Gesù ha dovuto affrontare in un’ambientazione realistica:

“[I]Se avessimo girato quel film in uno studio, non avresti visto quella performance. Ne valeva la pena? Assolutamente.”

IMPARENTATO: La sfortuna ha colpito questi 7 set cinematografici principali

Ads

Oliver Barker

Nació en Bristol y se crió en Southampton. Tiene una licenciatura en Contabilidad y Economía y una maestría en Finanzas y Economía de la Universidad de Southampton. Tiene 34 años y vive en Midanbury, Southampton.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button