KGI dichiara: “Crollo di vendite per iPhone”

0
354

“Il peggior scenario economico mai visto”. Ecco cosa è uscito dalle parole di Ming-Chi Kuo, analista del reparto sicurezza del KGI. Periodo in rosso per Apple che ha registrato un crollo di vendite per iPhone.

Apple: meno vendite nel 2016

Da quando si è potuto vedere nella cattiva predizione dell’analista, le spedizioni del prodotto, oramai non più di nicchia, potrebbero vedere un drastico calo. Si preannuncia infatti che Apple entrerà nei brand più famosi a subire un declino futuro.

Non è la prima volta che Apple rischia. Infatti l’anno scorso si hanno avuto leggeri problemi delle vendite sui prodotti. Neanche iPad Pro è riuscito a ringiovanire le entrate, il quale è stato compensato dal loro lato applicativo, registrando un fatturato di 6 miliardi su iTunes e App Store.

Un problema che avrebbero dovuto immaginarsi con le diminuzioni della vendita degli Apple Watch. Infatti il famoso indossabile, ha subito nell’ultimo trimestre una bella batosta. Però, con l’annuncio del nuovo WWDC a giugno, l’azienda della mela rosicata potrebbe rilasciare ai suoi consumatori un nuovo wearable.

Crollo di vendite per iPhone: il grafico pubblicato dal KGI

crollo di vendite per iphone grafico

Ritornando nel reparto mobile, all’uscita di iPhone SE, ha causato degli introiti extra per Apple. Come si è potuto vedere le vendite di quest’ultimo sembrano essere destinare a salire, (si parla da 12 a 18 milioni di spedizioni) grazie al suo prezzo alquanto “invitante”.

S7 mini VS IPHONE SE? un probabile CONFRONTO

Però questo sembra non bastare. Secondo Kuo questi dati dovrebbero non dovrebbero essere presi alla leggera. Ricordiamo infatti che Apple non ha introdotto niente di nuovo sul mercato sul reparto mobile. Molti utenti aspettano l’uscita del nuovo iPhone, che dovrebbe introdurre altre novità. Da quando è stato appena detto, per Apple non è tempo di scherzi. Per riuscire a convincere gli affezionati della mela a rimanere, bisognerà introdurre qualcosa di unico sul mercato.

Facebook Comments

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO