Notizia

La casa del serial killer malvagio è ancora piena di bambole e bibbie per bambini inquietanti 30 anni dopo

Ads

Una casa un tempo di proprietà di un famigerato serial killer statunitense è stata scoperta congelata nel tempo, con una stanza persino piena di bambole da brivido per bambini.

Steven Brian Pennell – un elettricista sposato e padre di due figli – è diventato famoso negli anni ’80 per essersi aggirato sull’autostrada Route 40 nel Delaware alla ricerca di qualcuno da uccidere, usando un kit di tortura contorto che teneva nel bagagliaio della sua macchina.

Alla fine catturato nel novembre 1988, è stato condannato per aver rapito e ucciso due donne mentre era sospettato di averne uccisi altre tre, crimini per i quali ha chiesto di essere giustiziato – l’unico serial killer in America ad aver mai fatto una richiesta del genere.

Un orsacchiotto si siede su una vecchia sedia malconcia all'interno della proprietà
Un orsacchiotto si siede su una vecchia sedia malconcia all’interno della proprietà

E ora, a più di 30 anni di distanza, l’interno della casa ormai fatiscente – che si pensava fosse il luogo in cui compiva i suoi atti spregevoli – è stato fotografato da un avventuriero urbano di nome Ben James, specializzato nella fotografia di edifici abbandonati.

In effetti, le immagini lanciano un incantesimo piuttosto inquietante, dall’esterno di ciak cosparso di vite della casa alle sue stanze intatte al piano superiore con letti fatti, tende e credenze sospese – una delle quali ha persino un televisore ancora sopra.

La casa inquietante è stata fotografata da un esploratore urbano
La casa inquietante è stata fotografata da un esploratore urbano

Le suddette bambole, ancora nei loro vestiti ma ora ricoperte di polvere e sbiadite dal sole, siedono anche sul davanzale della finestra, accanto a quello che sembra essere un vecchio libro di preghiere.

Al piano di sotto, tuttavia, sembra essere stato colpito molto più duramente dai decenni successivi, con carta da parati scrostata ammuffita, divani rotti e immondizia sparsi sul pavimento, fino alle caviglie in alcune parti.

Alcune stanze sembrano ancora abitate
Alcune stanze sembrano ancora abitate

Ma i terribili segreti della proprietà erano sconosciuti a Ben quando si imbatté in un’area remota della contea di New Castle, riporta The Mirror.

“Faccio molte fotografie di case abbandonate negli States”, ha spiegato lo snapper, che documenta le sue avventure sulle sue pagine Instagram e TikTok, @places_forgotten.

Altrove nella casa le stanze hanno iniziato da tempo a marcire
Altrove nella casa le stanze hanno iniziato da tempo a marcire

“Era un posto piuttosto inquietante perché è in mezzo al nulla, ed è semplicemente pazzesco come tutto sia stato lasciato in mostra.

“Poi, mentre me ne stavo andando, il vicino e lo sceriffo locale si sono avvicinati e hanno detto che questa era una volta la casa di Steven Pennell.

“Non avevo idea di chi fosse, ma era l’unico serial killer conosciuto del Delaware e a quanto pare è stato qui che ha ucciso una o due delle sue vittime.

Altrove nella casa le stanze hanno iniziato da tempo a marcire
Pennell era padre di due figli, quindi è probabile che queste fossero le bambole delle sue figlie

“Apparentemente è stato lasciato così per molti anni. Penso che sia stato lasciato solo perché le persone non vogliono pensare alla storia.

“Il posto ha un’atmosfera molto sinistra.”

Il corpo della prima vittima di Pennell, Shirley Ellis, 23 anni, è stato trovato parzialmente nudo sul ciglio della strada alla fine dell’87, con le gambe divaricate, mani e piedi legati con del nastro adesivo.

Una sedia a dondolo solitaria è stata lasciata in veranda
Una sedia a dondolo solitaria è stata lasciata in veranda

Un’ex prostituta che aveva voltato pagina aiutando i malati di AIDS in un vicino ospedale, alla fine è stata identificata dai suoi tatuaggi. L’autopsia ha rivelato che era stata strangolata e colpita ripetutamente con un martello.

La seconda vittima, Catherine DiMauro, 31 anni, è stata trovata morta l’estate successiva quando gli operai edili hanno trovato il suo corpo nudo nel loro cantiere.

Stefano Pennell
Steven Brian Pennell – AKA The Route 40 Killer – era l’unico serial killer conosciuto del Delaware

Le fibre blu trovate sulla sua pelle corrisponderebbero al tappeto dell’auto Ford di Pennell, portando alla fine alla sua cattura: un mandato di perquisizione rivelerebbe anche le impronte digitali, il sangue e i capelli della vittima.

È stato anche scoperto il “kit di tortura” mobile del 34enne, che includeva pinze, fruste, manette, aghi, coltelli, nastro adesivo e restrizioni.

Pennell è stato arrestato il 29 novembre 1988 e, dopo aver licenziato il suo avvocato e essersi presentato in tribunale, ha affermato di meritare la pena di morte secondo le leggi della Bibbia.

Fu condannato a morte ad Halloween 1991 e infine giustiziato il 14 marzo 1992.

Ads

Oliver Barker

Nació en Bristol y se crió en Southampton. Tiene una licenciatura en Contabilidad y Economía y una maestría en Finanzas y Economía de la Universidad de Southampton. Tiene 34 años y vive en Midanbury, Southampton.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button