Notizia

La NASA filma la cometa “Dirty Snowball” che si tuffa nel sole

La NASA ha catturato le immagini di una cometa che si disintegra mentre passava troppo vicino al sole.

Gli strumenti a bordo del Solar and Heliospheric Observatory (SOHO), un veicolo spaziale gestito congiuntamente dalla NASA e dall’Agenzia spaziale europea, hanno osservato la cometa dirigersi verso la nostra stella il 6 agosto.

Un giorno dopo, altre immagini catturate da SOHO hanno mostrato la scomparsa della cometa mentre volava troppo vicino al sole.

“La sporca palla di neve è evaporata”, ha riportato spaceweather.com in un avviso.

Le comete sono oggetti costituiti da gas congelati, roccia e polvere che orbitano attorno al sole. I nuclei di questi oggetti possono raggiungere decine di miglia di diametro, sebbene molti siano molto più piccoli.

Quando le comete si avvicinano al Sole, vengono esplose con quantità crescenti di radiazioni. Ciò provoca il riscaldamento della cometa, provocando un rilascio di gas e polvere, che crea un’atmosfera temporanea nota come coma che si forma attorno al nucleo dell’oggetto. I coma delle comete possono essere significativamente più grandi della Terra.

Una cometa nello spazio
La NASA ha catturato le immagini di una cometa che si disintegra mentre passava troppo vicino al sole. Sopra, illustrazione artistica di una cometa.
iStock

Inoltre, le comete formano anche due code quando si avvicinano al Sole: la coda del gas e la coda della polvere, che possono misurare milioni di miglia di lunghezza.

La coda di gas appare a causa dell’effetto del vento solare – particelle cariche emesse dal sole – sulle particelle di gas elettricamente cariche rilasciate dalla cometa. Nel frattempo, le interazioni tra i fotoni (particelle di luce) emesse dal sole, dal vento solare e dalla polvere vaporizzata nella chioma della cometa portano alla formazione della coda di polvere.

Le comete sono gli avanzi della formazione del sistema solare 4,6 miliardi di anni fa. Secondo il Minor Planet Center dell’Unione Astronomica Internazionale, ad oggi sono state scoperte più di 4.000 comete, sebbene questo rappresenti probabilmente solo una piccola frazione di quelle che esistono effettivamente nel Sistema Solare.

Alcune comete passano molto vicino al sole e si possono usare vari termini per descrivere questi oggetti, secondo uno studio pubblicato nel 2017.

I “sunskirter” sono definiti come comete che passano entro 33 raggi solari dal centro del sole nello studio. Nel frattempo, i “sunrazer” passano ancora più vicini, arrivando a circa tre raggi solari. E infine, i “sondaggi” sono quelli che effettivamente si intersecano con la fotosfera del sole, lo strato più basso dell’atmosfera della stella.

Leggi di più
  • Quando è la superluna di agosto e a che ora apparirà la luna piena?
  • Enorme, “bella” palla di fuoco girata nell’Indiana, in 8 stati
  • Perché dovresti guardare la pioggia di meteoriti perseidi del 2022 prima che raggiunga il picco

Secondo spaceweather.com, la cometa che si è disintegrata di recente perché è passata troppo vicino al sole faceva quasi sicuramente parte della famiglia di comete Kreutz.

Si pensa che questo gruppo di comete, dal nome dell’astronomo tedesco del XIX secolo che le studiò, Heinrich Kreutz, abbia avuto origine dalla rottura di una singola cometa gigante centinaia di anni fa.

Frammenti di questo enorme oggetto orbitano attorno al sole e spesso passano vicino alla nostra stella, con molti che evaporano e si disintegrano.

Oliver Barker

È nato a Bristol e cresciuto a Southampton. Ha una laurea in Contabilità ed Economia e un Master in Finanza ed Economia presso l'Università di Southampton. Ha 34 anni e vive a Midanbury, Southampton.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button