Divertimento

La NASA rivela una nuova straordinaria immagine di “ossa” all’interno di una galassia lontana catturata dal telescopio spaziale James Webb

La NASA ha rilasciato una straordinaria immagine che rivela le “ossa” all’interno di una galassia lontana.

L’immagine è stata catturata dal telescopio spaziale James Webb che può scrutare attraverso la polvere spaziale per catturare bellissime ragnatele di gas e stelle.

Una nuova immagine catturata dal telescopio James Webb offre una visione dettagliata di una bellissima galassia a 29 milioni di anni luce di distanza

3

La galassia chiamata IC 5332 era stata precedentemente catturata dall'Hubble ma non poteva vedere attraverso la polvere spaziale

3

Il James Webb Space Telescope è stato in grado di dare uno sguardo

3

La galassia si chiama IC 5332 e si trova nella costellazione dello Scultore a più di 29 milioni di anni luce dalla Terra.

Il posizionamento dell’IC 5332 proprio di fronte alla Terra rende facile per gli esperti dare un’occhiata da vicino all’enorme collezione di materia spaziale.

Questo, combinato con la potenza high-tech del telescopio, ha permesso agli scienziati di dare uno sguardo “senza precedenti” ai corpi celesti, ha annunciato l’Agenzia spaziale europea.

Con una larghezza di 66.000 anni luce, IC 5332 è grande circa due terzi della nostra Via Lattea.

Il telescopio spaziale James Webb della NASA individua il candidato per la posizione delle prime stelle
Le migliori foto del telescopio spaziale James Webb finora

Non solo la galassia si trova a milioni di anni luce di distanza, ma si trova anche nella regione del medio infrarosso dello spettro elettromagnetico che secondo l’ESA è notoriamente difficile da osservare.

“Il medio infrarosso è incredibilmente difficile da osservare dalla Terra poiché gran parte di esso viene assorbito dall’atmosfera terrestre e il calore dell’atmosfera terrestre complica ulteriormente le cose”, ha affermato l’ESA.

Questa non è la prima volta che la galassia viene catturata.

IC 5332 è stato precedentemente visto dal telescopio spaziale Hubble, ma le difficoltà atmosferiche rendono impossibile distinguere i dettagli.

“Hubble non poteva osservare la regione del medio infrarosso poiché il suo specchio non era abbastanza freddo, il che significa che la radiazione infrarossa degli specchi stessi avrebbe dominato qualsiasi tentativo di osservazione”, ha scritto l’ESA.

Per combattere questo, la Nasa ha utilizzato il Mid-InfraRed Instrument (MIRI) sul James Webb Space Telescope che opera a temperature di congelamento.

“MIRI richiede questo ambiente gelido affinché i suoi rivelatori altamente specializzati funzionino correttamente, ed era un sistema di raffreddamento attivo dedicato per garantire che i suoi rivelatori fossero mantenuti alla temperatura corretta”, ha affermato l’ESA.

Sebbene entrambe le immagini di Hubble e James Webb siano ugualmente sorprendenti, gli esperti sono stati orgogliosi di annunciare che la tecnologia all’avanguardia e le perfette condizioni ambientali hanno permesso loro di vedere aree passate di polvere spaziale e rivelato nuove e bellissime stelle.

JWST attualmente orbita attorno al Lagrange Point 2 (L2), che si trova a circa 930.000 miglia dalla Terra in direzione di Marte.

Lì, il telescopio scruta il cielo notturno alla ricerca di una debole luce infrarossa, che potrebbe essere visibile dalla prima generazione di stelle e galassie.

Dal lancio, Webb ha catturato alcune foto straordinarie di spazio profondo, mondi lontani e stelle lontane.

La Nasa ha condiviso l’immagine su Twitter dicendo: “Se questa nuova immagine dello strumento a infrarossi medi (MIRI) di Webb sembra scura e lunatica, è perché le cose sembrano diverse in questa luce rispetto a come potresti essere abituato.

Teresa di RHONJ abbandona il glam per il pigiama e niente trucco mentre esce dal salone
Il figlio ribelle

“Queste sono le ‘ossa’ della galassia IC 5332, solitamente nascoste dalla polvere.

“Spazio, ma fallo goth!”

Oliver Barker

È nato a Bristol e cresciuto a Southampton. Ha una laurea in Contabilità ed Economia e un Master in Finanza ed Economia presso l'Università di Southampton. Ha 34 anni e vive a Midanbury, Southampton.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button