Notizia

Russia accusata di aver ucciso 30 civili nel territorio Putin appena allegato

Almeno 30 civili ucraini sono stati uccisi e altri 88 feriti dopo che i russi avrebbero bombardato Zaporizhzhia venerdì, secondo diversi organi di stampa.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato venerdì su Telegram che la Russia ha lanciato attacchi da razzi e droni, inclusi 16 razzi al mattino, a Zaporizhzhia.

“Il nemico si infuria e cerca vendetta per la nostra fermezza e i suoi fallimenti”, ha detto Zelensky, accompagnando il suo post con più foto della carneficina. “[Russian President Vladimir Putin] distrugge cinicamente gli ucraini pacifici, perché ha perso tutto ciò che è umano molto tempo fa. Feccia assetata di sangue! Risponderai sicuramente. Per ogni vita ucraina perduta!”

Oleksandr Starukh, il governatore della regione di Zaporizhzhia, ha detto su Telegram che i civili stavano aspettando in un convoglio umanitario per lasciare il centro regionale quando è avvenuto l’attacco.

Vladimir Putin Russia Annessione
Il presidente russo Vladimir Putin (a sinistra) parla mentre i leader separatisti Yevgeny Balitsky (a destra) della regione di Zaporizhzhia e Vladimir Saldo (al centro) della regione di Kherson ascoltano durante il concerto a sostegno dell’annessione di quattro regioni ucraine alla Piazza Rossa il 30 settembre, 2022, a Mosca, Russia. Funzionari ucraini hanno accusato la Russia di aver ucciso almeno 30 civili venerdì a Zaporizhzhia.
Collaboratore/Getty Images

“Queste persone sono andate dai loro parenti nei territori occupati, hanno portato aiuti umanitari”, ha detto. “Dovevano prendere i nostri concittadini e portarli nella parte libera dell’Ucraina. Gli occupanti hanno colpito gli ucraini indifesi”.

Funzionari russi hanno negato l’attacco, ha riferito Reuters. Vladimir Rogov, un funzionario dell’amministrazione insediata dalla Russia nella regione di Zaporizhzhia, ha incolpato l’Ucraina e ha affermato che la Russia non prende di mira i civili.

Il colonnello della polizia ucraina Sergey Ujryumov, capo dell’unità di smaltimento degli esplosivi del dipartimento di polizia di Zaporizhzhia, ha detto che i russi hanno colpito un mercato automobilistico con tre missili S-300 perché “sanno che qui si formano colonne per andare nei territori occupati”.

“Avevano le coordinate”, ha detto Ujryumov. “Non è uno sciopero casuale. È perfettamente intenzionale.”

Leggi di più
  • L’Ucraina mette alla prova il sostegno degli alleati della NATO dopo che Putin ha rivendicato il territorio
  • L’offensiva di Lyman in Ucraina potrebbe assestare un altro duro colpo all’invasione di Putin
  • Il “sabotaggio” dell’oleodotto Nord Stream crea una nuova crisi tra NATO e Russia

Nikola Rusak, un fattorino di 62 anni della provincia meridionale di Kherson, ha detto a Reuters che stava dormendo nel suo minivan parcheggiato a circa 20 metri di distanza quando una fila di negozi di ricambi per automobili è stata bombardata.

“Non riuscivo a capire cosa stesse succedendo”, ha detto Rusak. “Sono uscito e ho visto la gente correre. Ero stordito. Stavo solo lì congelato. Non sapevo cosa fare”, ha detto.

Andriy Yermak, capo dell’ufficio del presidente ucraino, ha inizialmente twittato che l’assalto a un convoglio umanitario ha provocato 25 morti e 50 feriti, ma in seguito Associated Press, CNN e Reuters hanno aumentato il numero delle vittime.

“La Russia è uno stato terrorista”, ha detto Yermak. “Abbiamo bisogno di più armi e più sanzioni internazionali per fermarlo”.

L’attacco a Zaporizhzhia è avvenuto lo stesso giorno in cui Putin ha dichiarato che i territori di Kherson, Zaporizhzhia, Donetsk e Luhansk ora appartengono alla Russia a seguito di referendum elettorali sanzionati dallo stato.

Venerdì il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha espresso sostegno all’Ucraina, affermando che le minacce nucleari e l’annessione sono tentativi della Russia di alienare gli alleati.

“L’Ucraina ha, ovviamente, il diritto di riprendere il territorio ucraino che ora è occupato dalle forze russe”, ha detto Stoltenberg. “Questo è il motivo per cui li sosteniamo. Così possono difendersi ma anche continuare a liberare il territorio. E come ho detto, l’annessione illegale o il tentativo di annettere il territorio ucraino non cambia le cose. Non cambia il natura di questo conflitto».

Il deputato ucraino Oleksiy Goncharenko ha twittato un video del propagandista russo Vladlen Tatarsky registrato al Cremlino lo stesso giorno dell’annessione.

“Sconfiggeremo tutti, uccideremo tutti e deruberemo tutti coloro che hanno bisogno di essere derubati”, ha detto Tatarsky. “Tutto sarà come ci piace. Con Dio!”

Settimana delle notizie ha contattato i ministeri della difesa ucraino e russo per un commento.

Oliver Barker

È nato a Bristol e cresciuto a Southampton. Ha una laurea in Contabilità ed Economia e un Master in Finanza ed Economia presso l'Università di Southampton. Ha 34 anni e vive a Midanbury, Southampton.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button