Divertimento

Sixers chiama la superstar di Hollywood nel dibattito su “Ultimate Bell Ringer”.

Gli attori nati a Philadelphia, Will Smith e Bradley Cooper, chiacchierano al 28° Screen Actors Guild Awards.

James Harden non è stato l’unico a rappresentare i Philadelphia 76ers nel Monday Night Football. Anche Bradley Cooper è stato avvistato allo stadio mentre faceva il tifo per la squadra di football della sua città natale. L’attore hollywoodiano stava rallegrando la folla mentre mostrava il suo amore per i Sixers attraverso una maglietta retrò di Allen Iverson.

Cooper, un grande fan dello sport di Philadelphia, dentro e fuori dal grande schermo, è stato inondato di amore su Twitter per la sua scelta di guardaroba. E la “camicia Cooper Iverson” si è rapidamente trasformata in un oggetto di vendita caldo su Internet.

I Sixers stavano osservando con intelligenza tutto ciò che si svolgeva da lontano, quindi hanno colto l’occasione. Il loro team di social media ha lanciato un appello per mettersi in contatto con Cooper: “sembra che sarebbe un grande suonatore di campane in questa stagione!” È un grande onore suonare la cerimoniale Liberty Bell prima delle partite dei Sixers.

È un grande onore suonare la cerimoniale Liberty Bell prima delle partite dei Sixers. Cooper si unirebbe a artisti del calibro di Meek Mill, Kevin Hart, Charlie Manuel, Dawn Staley, M. Night Shyamalan, Michael B. Jordan e, naturalmente, lo stesso Iverson. Qualcuno deve rintracciare Cooper e farglielo fare.

‘Ultimate Bell Ringer List’ per la stagione 2022-23

1. Jalen Hurts: i Sixers sanno quanto diventa pazzo il Wells Fargo Center quando i giocatori dei Philadelphia Eagles sono in casa. Jordan Davis, Nakobe Dean e Haason Reddick si sono divertiti un po’ la scorsa stagione a spese di Tyler Herro a una partita di playoff. Hurts è QB1 e sta arrivando all’MVP della NFL (sfiga). È difficile discutere una scelta migliore per infiammare la folla per l’esordio casalingo del 20 ottobre contro il Milwaukee. Quella partita, guarda caso, avviene durante la settimana di addio degli Eagles.

2. Bradley Cooper: supponendo che il suo nuovo film Netflix sul leggendario composter Leonard Berstein sia finito, Cooper è la scelta perfetta per far impazzire la folla quando i Los Angeles Lakers – l’orgoglio di Hollywood – arrivano in città il 9 dicembre. Jenkintown, nativo di Pennsylvania, non è mai stato timido nel professare il suo amore per la sua città natale, dicendo a CBS News: “Ho un enorme orgoglio perché le radici della mia famiglia sono radicate a Philadelphia”. Un’altra connessione: Cooper ha frequentato la Georgetown University quando c’era Allen Iverson.

3. Sam Hinkie: The Architect of The Process non è mai riuscito a completare la sua master class sul tank (incolpare Adam Silver), ma le richieste di suonare il campanello sono infuriate. Joel Embiid ha suggerito che Hinkie meritasse l’opportunità di farlo nel 2021. I Sixers si sarebbero immersi in acque poco profonde se avessero riportato indietro il loro ex GM, ma l’ovazione avrebbe fatto saltare il tetto dall’arena. Hinkie ha un seguito di culto a Philly, che probabilmente rivaleggia con Rocky Balboa. Qualsiasi gioco. Non importa.

4. Will Smith, con Chris Rock: Il vincitore dell’Oscar caduto in disgrazia ha un disperato bisogno di PR positive dopo la sua acrobazia da brivido agli Academy Awards dell’anno scorso. Ha schiaffeggiato uno dei comici più amati d’America, poi ha ricevuto giustamente un divieto di 10 anni. Smith, che ha una partecipazione di minoranza nei Sixers, da allora si è scusato mantenendo un basso profilo. È ora di tornare là fuori. E quale modo migliore per farlo che presentarsi quando i Sixers ospiteranno i New York Knicks il 4 novembre… con l’ospite speciale Chris Rock. (Ricorda, i Knicks sono la squadra preferita di Rock).

5. Nia Long: troppo presto? Probabilmente. I Boston Celtics sono stati trascinati nel fango abbastanza in questa bassa stagione. Salva la data: 25 febbraio 2023.

Più pesante su Sixers News

Caricamento di più storie

Oliver Barker

È nato a Bristol e cresciuto a Southampton. Ha una laurea in Contabilità ed Economia e un Master in Finanza ed Economia presso l'Università di Southampton. Ha 34 anni e vive a Midanbury, Southampton.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button