Articoli

Leawo iOS Data Recovery: utilizzo ed impressioni

Avete cancellato un’immagine o un video sul vostro dispositivo Apple che volevate riguardare insieme ai vostri compagni ed ora non riuscite più a trovarlo? Beh, niente di più semplice da fare con i giusti programmi. iOS Data Recovery è un’applicazione sviluppata da Leawo, semplicissimo da usare ed in grado di poter riprendere vecchi file cancellati. Vediamo nel dettaglio cosa ha a disposizione questo software.

Per poterla utilizzare bisogna aver installato iTunes (link del download qui). Essa installerà i supporti Apple per il vostro dispositivo, qualunque esso sia.




iOS Data Recovery

homepage ios data recoveryL’applicazione si presenta a noi con 3 opzioni principali:

  1. Ripristino direttamente dal dispositivo iOS.
  2. Ripristino utilizzando un backup di iTunes.
  3. Ripristino utilizzando un backup di iCloud.

ss+(2016-08-13+at+10.47.56)Avendo il dispositivo a portata di mano, vi troverete molto comodi utilizzando la prima opzione.

Con un’analisi rapida di pochi secondi, vi troverà tutti i file cancellati sul vostro dispositivo.

Dovrete seguire alcuni passaggi per portare a termine con successo il processo:

  • Collegate il vostro dispositivo al computer e selezionate “Recover from iOS Device“.
  • Iniziate l’analisi premendo il pulsante Start al centro dell’applicazione.
  • Una volta finito, scegliete quale tipo di file si vuol ritrovare. Ci sono 12 tipi di file da poter estrarre: Immagini fotografiche e video, photo Stream, immagini della libreria, contatti, note, messaggi, media dei messaggi, messaggi WhatsApp, media dei messaggi WhatsApp, preferiti Safari, cronologia chiamate, messaggi vocali, calendario e promemoria.
  • Infine scegliete i file che avete cancellato e salvateli usando il tasto Recover in basso a destra. (scegliete voi la cartella di destinazione dei file)

inizio analisi dispositivo

Facendo una prova con un iPhone 5S, vedete qui il risultato con il primo metodo.

ripristino immagini

Come detto prima, tutto questo può essere fatto avendo con voi il vostro dispositivo Apple. Non avendolo sul momento, ad esempio perso o comunque non poter utilizzarlo per il ripristino dei vostri file, potrete semplicemente utilizzare le restanti due opzioni. Ovviamente chi non avesse mai fatto un backup su una delle due piattaforme, non sarà in grado di riprendere i file.

icloud

Per poter provare iOS Data Recovery basterà collegarvi al sito di Leawo scegliendo la versione Windows oppure la versione Mac.

Per altri dubbi o problemi relativi all’applicazione, non esitate e commentare qui sotto!

Ripristinare Battery Life Android

Quante volte tornate a casa a fine giornata ed il vostro cellulare è a batteria ormai, se non tutta, scarica? Oggi Tebigeek vi presenterà una guida che potrà ripristinare la Battery Life Android, il tutto dipenderà dallo stato attuale della batteria (applicazioni di monitoraggio potrebbero sbagliare il controllo in caso fosse danneggiata). Vediamo subito come fare!




Applicazioni da usare e prerequisiti

Per poter applicare i passaggi che vi andrò ad elencare, senza saltarne uno, servirà che abbiate un dispositivo Android con i permessi di root e una custom recovery (la più consigliata è TWRP).

  1. Scaricate un app per la pulizia. Vi consiglio Clean Master o CCleaner con cui potete facilmente eliminare file inutili che occupano spazio.
  2. Scaricate l’applicazione Ripara Durata Batteria Pro. Quest’applicazione può sembrare al primo impatto inutile e senza alcun effetto sul telefono, ma è in grado di analizzare le celle della vostra batteria e ripararle in caso siano inattive o danneggiate. L’applicazione comunque avrà bisogno dei permessi root per poter funzionare correttamente.
  3. La prossima applicazione da scaricare infine sarà Battery Calibration. Quest’applicazione è la più utile tra tutte quelle scaricate perchè servirà a sostituire il file “batterystats.bin“, file che salva automaticamente le statistiche della batteria, quindi tempo di carica/scarica e i programmi che consumano energia. Anche questa app avrà bisogno dei permessi root per poter funzionare.

Passiamo dunque alla guida vera e propria.

  • Iniziate pulendo i file e le cache che volete cancellare per poter liberare RAM e Memoria. (le più importanti da togliere sono le cache e le other chaces perchè, se non lo aveste mai fatto prima d’ora, saranno molto pesanti)ccleaner cache
  • Utilizzate “Ripara Durata Batteria Pro” per controllare e riparare le celle inattive.ripara batteria pro
  • Entrate in recovery mode e pulite cache dalvik e le cache generali. Con questo, Android riottimizzerà tutte le applicazioni che avete sul dispositivo.
  • Riaccendete il telefono e applicate la calibrazione della batteria:
    • Scaricate la batteria del telefono fino allo 0% e poi lasciate ricaricarla al massimo.(sarebbe meglio non utilizzare il telefono durante il processo)
    • Premete il tasto su Battery Calibration e per sicurezza riavviate.battery calibration

Ripristinare Battery Life Android? Funziona veramente?

La guida la ho testata sul mio LG Nexus 5 che ha avuto miglioramenti meravigliosi: da 7 ore di autonomia (senza usare applicazioni che caricano troppo il sistema) fino a 11 ore di autonomia senza troppi problemi. Quindi, utenti di Tebigeek, provate voi stessi e scrivete nei commenti qui sotto la vostra opinione riguardo il nostro modo di ripristinare la Battery Life Android!

Guida all’utilizzo di Xposed

Cos’è Xposed?

Xposed è una semplice applicazione che permette all’utente di poter installare vari tools per il proprio smartphone che aggiungono funzionalità inaccessibili senza di esso.

Per utilizzare l’applicazione, prima di tutto abbiamo bisogno di alcuni prerequisiti:




  • Avere i permessi di root sul sistema operativo Android.
  • Una recovery personalizzata (personalmente consiglio TWRP).
  • L’apk dell’applicazione e il Framework che servirà per farlo funzionare correttamente (scaricabili entrambi dal forum xda).

Come installarlo?

Installate Xposed usando l’apk scaricato dal forum. Aprendo l’applicazione avrete a disposizione alcuni menù: Framework, Moduli, Download, Impostazioni, Support e Log.

ImmagineIl prossimo passo da fare è  quello di installare il Framework, con cui sarà possibile installare i moduli da Xposed. Scompattate il secondo zip scaricato dal forum. Nello zip saranno disponibili diversi SDK (Software Development Kit):

  • SDK21 per Android 5.0 Lollipop.
  • SDK22 per Android 5.1 Lollipop.
  • SDK23 per Android 6.0 Marshmallow.
La versione dipenderà dalla versione del sistema operativo e dal SDK installato

La versione dipenderà dal sistema operativo e dal SDK installato

Scegliete quello adatto al vostro sistema operativo Android e flashatelo utilizzando la recovery installata sul vostro telefono (se per caso usate la recovery stock, dovrete utilizzare anche il pc per facilitarvi il lavoro). Se lo avrete fatto con successo uscirà questo avviso nel menù Framework (altrimenti vi restituirà un avviso rosso).

A questo punto siete pronti per installare dei moduli! I moduli sono le “funzionalità” che potete aggiungere, basta andare nel menù Download, cercate ed installate quelli che preferite.

Attenzione però: alcune release di moduli non sono del tutto stabili o non compatibili con il sistema o il telefono, che potrebbero comprometterlo, in modo tale da non farlo funzionare correttamente. Leggete attentamente la descrizione del modulo e la versione disponibile.

Problemi conosciuti di Xposed

  • Xposed manda in bootloop la ROM stock di Samsung. Utilizzate stock non ufficiali per poter rimediare a questo problema.
  • Sembra che Sony abbia alcune ROM con il file services.odex corrotto (anche files .dex invalidi). Queste ROM andranno in bootloop con errore “Fatal signal 6” oppure “No pending exception expected: java.lang.ArrayIndexOutOfBoundsException” che non possono essere riparate al momento (link al reddit).
  • Il Venue 8 7840 della Dell è stato prodotto con una versione non-stardand dell’ART (Android Runtime) che sarebbe tra la versione 5.1 e 6.0. Ovviamente Xposed non è supportato per versioni simili (link al reddit).

Spero che questa guida sia stata utile per molti di voi che hanno avuto problemi nell’installare l’applicazione. Vi ricordo di commentare qui sotto oppure sul forum se avete ancora dei dubbi a riguardo.