Articoli

WhatsApp introduce la verifica in due passaggi

Dopo aver introdotto la feature del “Live Location Tracking” della quale abbiamo gia parlato nel nostro articolo, WhatsApp ha introdotto la verifica in due passaggi del proprio Account (al momento della registrazione o di un futuro login).

Che cos’è la verifica in due passaggi?

Molto semplicemente se attivata, la verifica in due passaggi vi permetterà di incrementare la sicurezza del proprio Account WhatsApp inserendo un codice PIN a 6 cifre che vi verrà richiesto al momento della verifica del proprio numero di telefono in aggiunta all’SMS di conferma. Tutto questo chiaramente diminuisce di molto la possibilità che un malintenzionato utilizzi il vostro Account senza il vostro consenso.

Come usufruire della verifica in due passaggi?

Nonostante sia già presente da diverso tempo nella versione beta dell’App, soltanto da poco questa funzione è disponibile nella versione stabile di WhatsApp. Se non lo avete ancora fatto quindi, vi consigliamo di installare l’ultima versione dell’App.

Per attivarla non dovrete far altro che recarvi in Impostazioni / Account / Verifica in due passaggi / Attiva:

WhatsApp

Oltre al al PIN è inoltre possibile inserire un indirizzo mail al quale sarà possibile ricevere un link per disattivare la verifica in due passaggi qualora l’utente dimenticasse il PIN. Inoltre una volta attivata questa funzione, verrà richiesto sistematicamente l’inserimento del codice PIN per ridurre la probabilità di dimenticarlo.

Informazioni aggiuntive WhatsApp:

Inoltre stando a quanto riportato dal sito di WhatsApp, una volta attivata questa funzione il proprio numero non potrà essere verificato nuovamente entro 7 giorni dall’ultimo utilizzo di WhatsApp senza il codice di accesso. Proprio per non dimenticare il PIN si consiglia l’inserimento di un indirizzo Mail. Dopo questi 7 giorni, sarà possibile verificare nuovamente il numero su WhatsApp, senza il codice di accesso, con la perdita, però di tutti i messaggi in attesa, i quali verranno eliminati. Se il numero verrà nuovamente verificato su WhatsApp dopo 30 giorni dall’ultimo utilizzo dell’App, e senza il codice di accesso, il proprio account verrà eliminato e ne verrà creato uno nuovo al momento della verifica.

Nuovo Aggiornamento di Aprile per dispositivi google

Update di Aprile per i Nexus

Come ogni mese, Google rilascia aggiornamenti o minor update, riguardanti sicurezza e bugfix, per i suoi dispositivi Nexus. Questi update mensili sono stati resi disponibili quando Google ha scoperto le gravi vulnerabilità che affliggevano Android, così ha deciso di rilasciare appunto questi update in modo che gli exploit utilizzati dai malware siano resi sicuri. Una di queste era appunto la vulnerabilità denominata Stagefright che ha reso vulnerabili tantissimi dispositivi aventi qualsiasi versione del robottino verde attraverso un exploit degli MMS. In queste ore è stata rilasciata l’aggiornamento di Aprile per Dispositivi Google, i Nexus (l’update è sempre basato su Android M 6.0.1), contenenti bugfix e patch per la sicurezza.

Aggiornamento di aprile per i nexus

Chi è stato aggiornato? E come?

Questo Aggiornamento di aprile per Dispositivi Google è disponibile via Factory Image, quindi non via ota(ovvero dalla notifica nella barra di stato o andando in info sul dispositivo e aggiornamenti software), ma bisogna scaricare manualmente l’aggiornamento. I dispositivi supportati per questo aggiornamento sono sia Smartphone che Tablet.

Smartphone:

  • Nexus 5;
  • Nexus 5X;
  • Nexus 6;
  • Nexus 6P;

Tablet:

  • Nexus 7 (2013);
  • Nexus 9;
  • Nexus 1;
  • Nexus Player.

 

Aggiornamento di aprile per nexus

Come scaricare e fare il flash di una Factory Image dell’aggiornamento di Aprile per Dispositivi Google

Per poter usufruire dell’ultima build del robottino verde disponibile già da ora, è necessario avere tre requisiti molto importanti per questo genere di operazione. L’utente esperto, che è già entrato nel mondo del modding, sicuramente li conoscerà già e gli avrà sicuramente già eseguiti. Sto parlando dello sblocco del Bootloader, istallazione dei driver adb, del dispositivo dove vogliamo fare l’update, sul PC e l’installazione di adb sempre su PC. Dopo aver fatto vi basterà seguire questa semplice guida:

  1. Scaricare l’Aggiornamento di aprile per Dispositivi Google dal sito ufficiale della compagnia di Mountan view traimte questo link;
  2. Dopo aver fatto ciò, estrarre il contenuto della cartella.tgz in una cartella sul vostro PC;
  3. Avviare il dispositivo Nexus in modalità Fast boot attraverso il comando adb:               Con il dispositivo acceso, digitate: adb reboot bootloader.                                              Oppure con la combinazione di tasti tasto power e volume –;
  4. Attraverso il terminale nella cartella dove c’è la factory image, fate il comando: flash-all.bat se siete su PC./flash-all.sh se siete su Mac, Linux.
  5. Una volta terminato, il telefono si riavvierà. Se questo non accade, andate in recovery e fate un wipe data/factory reset.

 

Aggiornamento di aprile per Nexus