Articoli

Parsey McParseface diventa Open – Google lo annuncia

Nel futuro avremmo qualcuno che studierà per noi? Parsey McParseface diventa gratuito e disponibile per tutti gli sviluppatori ovviamente in lingua inglese. Il programma, facente parte del progetto SyntaxNet, è molto di più di un correttore grammaticale. Grazie alla sua tecnologia, basata su network neurali, riesce a comprendere il senso logico della frase, in base alle regole grammaticali imposte.

parsey mcparseface analisi

Intelligenze artificiali sempre più dotate

Da Alan Turing fino ai giorni nostri. Chi poteva aspettarsi che dal periodo novecentesco si facessero passi da gigante? Queste macchine pensanti, in un futuro, riusciranno ad adempiere a tutti i compiti quotidiani semplicemente dialogando con la gente.

Quella di Google è stata una delle vittorie più belle all’interno del campo scientifico. Parsey McParseface è il lavoro di anni di studi all’interno dei laboratori Google. Le teorie della comprensione del linguaggio parlato applicate alle macchine stanno prendendo piede in un modo o nell’altro.

captionbot ai

Abbiamo già visto l’interessamento dello sviluppo delle intelligenze artificiali all’interno di altre aziende di rilievo, come ad esempio Microsoft, Twitter o Facebook.
Un esempio può essere Microsoft con “CaptionBot”, capace di riconoscere gli oggetti analizzandoli.
Inoltre  ricordiamo per il suo importante progetto, ovvero “Tay.ai“. Ella era capace di dialogare con gli utilizzatori. Il decodificatore di Google apprende proprio come Tay, ovvero da chi lo utilizza.

Parsey McParseface elimina le ambiguità

parsey mcparseface google

Come si può ben vedere dall’immagine, il programma con linguaggio NLU (Natural-Language Understanding) permette il riconoscimento logico della frase. Inoltre vi è l’uso di un componente già utilizzato da Google Now, ovvero TensorFlow. Inoltre SyntaxNet immedesima il ragionamento umano grazie al suo framework, che opera su un modello di rete neurale. Le tecniche utilizzate permettono di superare anche la difficoltà delle ambiguità delle frasi. Basti pensare alla lingua italiana dove un significante ha un oceano di significati.

Il risultato è davvero sorprendente, con la minima tolleranza di errore. Immaginate il suo uso nel quotidiano: interi documenti di internet tradotti in modo corretto, oppure libri in lingua inglese che saranno disponibili per le proprie lingue in futuro. I vantaggi sono davvero innumerevoli.

L’anno dello sviluppo delle intelligenze artificiali – Una svolta fra qualche anno?

Si può constatare che durante questi ultimi tempi ci sia stato un vero “boom” per lo sviluppo e lo stanziamento di nuove tecnologie. Ma questo affidamento eccessivo alle macchine può danneggiarci? Nessuno senza di esse va lontano, ma nessuno vuole rinunciare al loro uso.

Fonte | GoogleResearch

Enel Open Fiber per una fibra ottica più veloce

Per una rete internet in fibra ottica ultra veloce è stato firmato l’accordo Enel, Vodafone e Wind che entro tre anni farà capolinea in 224 città d’Italia. Questo grazie anche all’investimento di Enel di ben 2,5 miliardi di euro e alla società di Tommaso Pompei, la Enel Open Fiber.

Enel Open Fiber, il punto della situazione dell’accordo

Enel Open Fiber

Telecom Italia è il principale concorrente per quanto riguarda la fibra ottica e l’accordo Enel (Vodafone e Wind comprese), ma ci sono delle differenze tra le due aziende. Difatti Enel non farà altro che affittare la propria rete agli operatori con cui c’è l’accordo grazie all’investimento dell’azienda Enel Open Fiber, anche perché quest’ultima ha dichiarato che non vorrà entrare nel settore delle telecomunicazioni, offrendo quindi, solo l’infrastruttura. Non è detto comunque che altri operatori tra cui Telecom (Tim) possano accordarsi e usufruire anche loro di questo servizio.

 C’è differenza tra gli altri concorrenti che offrono la fibra ottica?

I servizi di fibra ottica offerti fino ad ora sono di tipo FTTC (Fiber To The Cabinet), ciò sta a significare che anche avendo una rete veloce, man mano che ci si allontana dalla cabina la velocità sarà ridotta. Al contrario, il servizio che offre Enel sfrutta le condutture elettriche e si riusciranno a portare i cavi della fibra ottica direttamente nelle case degli italiani, ottenendo così un servizio FTTH (Fiber To The Home), di conseguenza molto più performante. 

Enel Open Fiber

D’altro canto Fastweb non è rimasta solo a guardare e ha deciso quindi di potenziare la propria fibra ottica portandola a 200 Mb/s, unica pecca è che sarà disponibile per tutta la popolazione italiana solo entro il 2018, per ora solo poche città avranno la copertura. Ritornando al servizio offerto da Enel, i lavori inizieranno a Maggio da Perugia e a seguire ci saranno Venezia, Bari e Catania… Entro la fine del 2016 altre città come Genova, Firenze, Napoli, Palermo (isole comprese) avranno la copertura.

Ecco come Chrome Custom Tabs miglioreranno Android

Le Chrome Custom Tabs, anche se lentamente, stanno entrando nel mondo Android come sostitute a WebView. Questo è un nuovo metodo che aumenterebbe notevolmente la velocità di caricamento di Chrome. Dalla versione 45 di Chrome per Android, è stato aggiunto il completo supporto e un collegamento diretto con le applicazioni. Infatti ci si aspetta che le Chrome Custom Tabs migliorino Android, per via del flop di WebView.

Chrome Custom Tabs

Cosa sono le Chrome Custom Tabs ?

Esse furono presentate in occasione del Google I/O 2015, da David Burke. Inizialmente erano delle features esclusive di Android M per l’eliminazioni del tempo per i vari caricamenti su applicazioni e siti web. Con il passare del tempo, Google ha reso disponibili altre informazioni riguardante queste features: cioè che queste features siano compatibili con una versione di Android pari a Jelly Bean o versioni superiori ad essa.

Chrome Custom Tabs

Che vantaggi offrono?

Queste offrono vari vantaggi, tra i quali:

  • semplicità nell’integrazione: infatti le loro librerie non hanno bisogno di un codice personalizzato.
  • permessi o zone di salvataggio di cookies.

Poi c’è anche un’infinita possibilità di personalizzare la UI come:

  • personalizzazioni in entrata ed uscita.
  • pulsante d’azione, menù e barra di caricamento.

Ma il principale punto di forza è l’estrema velocità con cui viene caricata una pagina web in modo da avere un caricamento istantaneo.

Differenze fra WebView e Chrome Custom Tabs :

Anche se di base lo stesso principio, solamente nella seconda l’obiettivo è stato centrato. Invece con WebView, la cosa è degenerata. Già all’inizio, quando WebView fu creata, il progetto era già mal riuscito dall’inizio e portava un paio di volte al crash di alcune applicazioni che usavano tale tecnologia. Secondo un test di velocità, fatto sia con WebView , con Chrome e con le Chrome Custom Tabs,  ovviamente vincerebbero le  Chrome Custom Tabs con addirittura 2,391 secondi in anticipo a WebView.

Chrome Custom Tabs

 

Stesso WhatsApp su due telefoni? Ecco come fare!

Trovate noioso poter utilizzare solo un telefono per WhatsApp perchè il numero è legato all’account? Non vi preoccupate! Con questa semplice guida potrete utilizzare WhatsApp su due telefoni differenti. I metodi che andremo a vedere saranno due (coincidenze?) e per poter utilizzare uno di questi sarà necessario avere anche i permessi di root.




Primo metodo: WhatsApp Web sul telefono

Come potete ben capire dal titolo, è possibile avere due WhatsApp con lo stesso account utilizzando semplicemente WhatsApp Web.

  1. Come primo passaggio utilizzate il secondo telefono e collegatevi al sito di WhatsApp Web. Cliccate i tre puntini di Chrome e selezionate Richiedi sito Desktop. A questo punto dovrebbe spuntarvi il solito QR Code che compare su un computer.chrome
  2. Adesso prendete il primo telefono e scannerizzate il QR Code utilizzando la funzione apposita nell’applicazione.Immagine
  3. Fatto! Da adesso potete utilizzare WhatsApp su entrambi i telefoni. L’unica pecca di questo metodo è che non potrete aggiornare la pagina web sul secondo telefono poichè uscirà errore dal sito. Per poter risolvere basterà cancellare la cronologia e cache da Chrome e ripetere i passaggi.

Secondo metodo: Backup di WhatsApp su due telefoni

Questo metodo è ben diverso da quello presentato prima perchè farà in modo che potrete usare direttamente l’applicazione su entrambi i telefoni! Come detto all’inizio bisognerà avere i permessi di root sul telefono.

  1. Scaricate l’applicazione Titanium Backup dal Play Store su entrambi i telefoni.
  2. Dal primo telefono eseguite il backup di WhatsApp andando nella sezione  Backup/Restore > WhatsApp > Backup.backup
  3. Utilizzate un qualsiasi File Manager ( consiglio ES File Manager o Antek) e copiate i tre file salvati nella cartella di Titanium Backup su un dispositivo esterno.
  4. Copiateli poi sul secondo telefono, sempre nella cartella di Titanium Backup.
  5. Ora basterà andare nell’applicazione e fare Ripristina su Backup/Restore > WhatsApp > Ripristina.ripristana

Anche questo metodo presenta difetti (e quando mai) : quando un vostro utente proverà ad inviare un messaggio, arriverà sul telefono dove avrete messaggiato l’ultima volta con esso, quindi vi troverete un po confusi nel ricordare quale telefono usare. Inoltre le chat che attiverete dopo aver applicato questo metodo, non saranno salvate in entrambi i telefoni poiché, appunto, sul secondo telefono è presente un backup di WhatsApp.

La guida si conclude qua cari miei utenti di Tebigeek. Come sempre vi invito di commentare qui sotto o creare un post sul forum in caso abbiate problemi nel seguirla.