Divertimento

‘The Gabby Petito Story’: Realtà contro finzione nel nuovo film della vita

La tragica scomparsa e l’omicidio di Gabby Petito ottengono il trattamento del film Lifetime La storia di Gabby Petito. Il film, in onda il 1 ottobre, arriva circa un anno dopo che il corpo di Petito è stato scoperto in una parte remota del Wyoming. La blogger di viaggi di 22 anni era stata uccisa dal suo fidanzato, Brian Laundrie, con il quale aveva fatto un viaggio attraverso il paese.

Il film è interpretato da Skyler Samuels nei panni di Petito ed Evan Hall nei panni di Laundrie. Promette di “portare in vita la storia d’amore condannata di Gabby e Brian”. Ma cos’è la verità e la finzione nel film, diretto da Thora Birch?

[Warning: This article contains spoilers for The Gabby Petito Story.]

Fiction: Il film semplifica la prima parte della relazione tra Gabby e Brian

Skyler Samuels nei panni di Gabby Petito, seduta nel suo furgone, in
Skyler Samuels in ‘The Gabby Petito Story’ | Tutta la vita

IMPARENTATO: 9 film a vita basati su storie vere scioccanti

La storia di Gabby Petito ripercorre i primi giorni della relazione tra Gabby e Brian. La coppia, che aveva frequentato il liceo insieme, si è riconnessa a Long Island, ha iniziato a frequentarsi e alla fine si è trasferita in Florida, dove i suoi genitori si erano trasferiti. Ma il film altera in qualche modo questa parte della storia.

Secondo un rapporto di Vanity Fair, i genitori di Brian si erano trasferiti in Florida prima che lui e Gabby iniziassero a frequentarsi. Rimase a New York, dormendo sui divani di vari amici. Una volta che lui e Gabby si sono incontrati, hanno intrapreso un viaggio di un mese prima di trasferirsi in Florida. Il film semplifica questa sequenza temporale, con Brian che si trasferisce con i suoi genitori in Florida e convince Gabby a venire con lui.

Fatto: Brian ha rubato l’ID di Gabby per impedirle di uscire con un amico

Una volta in Florida, le crepe nella relazione di Brian e Gabby sono diventate chiare. Hanno lavorato insieme in un supermercato, secondo il New York Post, che è raffigurato nel film. Gabby ha anche incontrato una donna di nome Rose online e i due sono diventati amici.

Nel film, Rose e Gabby pianificano di uscire una sera, cosa che sconvolge Brian, che è diventato sempre più geloso e possessivo. Afferra la sua borsa ed esce con Rose, ma una volta arrivati ​​al bar, non riesce a trovare la sua carta d’identità perché Brian l’ha presa. Questo rispecchia un incidente della vita reale, secondo Vanity Fair. Rose ha anche detto di aver avvertito la sua amica del comportamento di Brian, che ha trovato allarmante.

Fatto: la polizia di Moab, nello Utah, non è intervenuta per proteggere Gabby quando Brian l’ha aggredita

All’inizio di luglio 2021, Gabby e Brian sono partiti per quello che doveva essere un viaggio di quattro mesi. Il 12 agosto, erano a Moab, nello Utah, quando uno spettatore ha visto Brian colpire Gabby durante una discussione e ha chiamato i servizi di emergenza. Gli agenti hanno risposto, ma dopo aver fermato il furgone della coppia e aver parlato con entrambi, hanno deciso che Gabby era l’aggressore. Hanno scelto di non arrestare Gabby. Ma hanno messo in contatto Brian con un’organizzazione locale per le vittime di violenza domestica, che lo ha ospitato in un hotel per la notte.

Le scene che ritraggono le interazioni di Gabby e Brian con la polizia sono quasi identiche al filmato degli agenti che rispondono all’alterco. Il film sembra anche attingere da un rapporto ufficiale (tramite la città di Moab) sull’incidente, che è stato prodotto in risposta al controllo dei critici che hanno affermato che la polizia avrebbe dovuto fare di più per aiutare la giovane donna chiaramente angosciata.

Narrativa: l’agente dell’FBI che aiuta la famiglia Petito è stato inventato per il film

Gabby è rimasta in contatto regolare con la sua famiglia durante il suo viaggio con Brian, ma alla fine di agosto è caduta fuori dal radar. I suoi genitori si sono preoccupati e hanno allertato le autorità all’inizio di settembre. Nel film, la famiglia di Gabby lotta per convincere qualcuno a prendere sul serio la sua scomparsa fino a quando non si collegano con un simpatico agente dell’FBI interpretato da Matisha Baldwin.

L’agente Shaw sembra essere un personaggio creato per il film che si ispira a vari agenti delle forze dell’ordine che hanno lavorato al caso. Ad esempio, alcune battute che ha pronunciato durante la conferenza stampa durante la ricerca di Gabby sono state effettivamente pronunciate dal capo della polizia a North Point, in Florida, dove Brian viveva con i suoi genitori (tramite YouTube).

Narrativa: Il film immagina cosa succede nei momenti privati ​​tra Gabby e Brian, anche prima dell’omicidio di Gabby

Circa una settimana dopo la denuncia della sua scomparsa, sono stati trovati resti umani in una foresta nazionale nel Wyoming. Successivamente furono determinati a essere di Gabby. A quel punto, Brian era scomparso e la sua famiglia non era in grado o non voleva dire dove si trovasse. Il 20 ottobre i suoi resti sono stati scoperti in un’area remota di un parco della Florida. Le autorità in seguito hanno stabilito che era morto suicida.

Il film Lifetime descrive questi eventi. Ma immagina anche i momenti finali di Gabby e Brian. Nel film, il personaggio di Gabby dice a Brian che vuole porre fine alla loro relazione. Questo lo porta ad attaccarla e ucciderla. Gli spettatori vedono anche Brian parlare con una visione della sua defunta ragazza prima di togliersi la vita. Una volta scoperto il suo corpo, gli agenti trovano un taccuino in cui rivela di essere stato il responsabile della sua morte. L’FBI ha recuperato un taccuino vicino ai resti di Brian, che conteneva una confessione. Ma non hanno rivelato alcun dettaglio specifico su ciò che ha scritto sulla morte di Gabby.

Come ottenere aiuto: Negli Stati Uniti, chiama la National Domestic Violence Hotline al numero 1-800-799-7233 o invia un messaggio START al numero 88788.

Per saperne di più sul mondo dello spettacolo e interviste esclusive, iscriviti Canale YouTube di Showbiz Cheat Sheet.

IMPARENTATO: ‘Girl In Room 13’: Anne Heche eleva il film di routine della vita

Oliver Barker

È nato a Bristol e cresciuto a Southampton. Ha una laurea in Contabilità ed Economia e un Master in Finanza ed Economia presso l'Università di Southampton. Ha 34 anni e vive a Midanbury, Southampton.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button